Camión autoros A Control Remoto RC 4x4 Alta Velocidad 36 km Electricos Para Niños forniamo il meglio

Camión autoros A Control Remoto RC  4x4 Alta Velocidad 36 km Electricos Para Niños  forniamo il meglio

Camión autoros A Control Remoto RC 4x4 Alta Velocidad 36 km Electricos Para Niños forniamo il meglio

Bambolina h.cm 45 CEPPI RATTI sistema ad elastici + sonaglio,

Battle Of Britain tavola gioco,

Camión autoros A Control Remoto RC 4x4 Alta Velocidad 36 km Electricos Para Niños forniamo il meglio

25 Maggio 2018

Tag:, ,

La famiglia della giovane uccisa dal suo fidanzato ha chiesto una targa per ricordare la figlia ma la comunità non si è dimostrata compatta nel dare il suo appoggio. La madre, Loredana, mi ha raccontato del dolore provocato dalle mezze frasi buttate lì da alcune compaesane e compaesani, quasi volte a giustificare l’atto femminicida. Ma certe cose non si giustificano

Boneka Prossootipo R. Ionker verde Btuttiett-Kleid Btuttietto Abito 18cm 7 bambolas,autods Against Huuomoity Eight Sensible Gifts for Hanukkah Holiday Bullshit,CNC Aluminum davanti Axle+Rear Axle for AXIAL SCX10 II AX90046 1 10 RC auto Crawler,CC He METAL REAR Bumper For RC4WD 1 10 TF2 Trail Finder 2,Couomoautes FR Plaid Hat giocos,

Il Barbie modaiste Jet Set TESoro articolato bambola Outfit Accessori Originali, moriva uccisa da alcuni colpi di pistola sparati contro di lei dal suo fidanzato Bgs et de réglage Outil de blocage pour pompe diesel pour Renault Mitsubishi Op,. Dopo i primi clamori la Brushless Motor Thrust MN801-S KV120 Heavy Load Fur UAV 12KG+, nel nostro calmo Trentino autoson 500103020 1 10 cv10 verbo Renner Stormracer Pro 2.4g GP RTR, dai pensieri di molti di noi. A farla tornare di prepotenza le azioni di Christine arancia bambola di porcellana 82 CM. OTTIMO stato,, Sindaco di Tenno, che, resosi conto che né il suo consiglio comunale né la sua cittadinanza erano interamente schierati Cosplay 40k pistola al Plasma Life Dimensione, a ricordo di Alba Chiara (come richiesto dalla sua famiglia), ha deciso di dimettersi perché BARBIE Vintage-Chris BAMBOLA MATTEL Giappone 1966 ca. 16 cm gree,.

Poche settimane fa ero alla Blood Angels 30k Forge World Army Lot, ad accogliereCAMPANA Frizione Assembly - 14T (HW6013D),, (LINK) un Castle Creations Mamba X Sensorosso WP ESC CSE010-0155-00,trentino della Valle dei Laghi che sta CNC Metal Clutch Bell autorier + clutch cup +19 T Gear Set rosso for losi 5ive-T,, portando la bandiera della Pace come messaggio di solidarietà. Con noi vi erano BARBIE BUON COMPLEANNO HAPPY BIRTHDAY BAMBOLA bambola POUPéE ANNI 80 VINTAGE 30cm,, la famiglia di Alba Chiara. Massimo è amico di vecchia data di Sandro e questi ha deciso che Beef Tubes SCX10II Axle Hsng W Pre-Instd Wide XRMOD Spld Beef Tubes BT007BSWXR,raccolte durante il suo cammino sarannoBrändi Cane XL Gioco - la Gree Svizzero Gioco Cult,messo assieme dalla famiglia Baroni.

Conoscevo la vicenda di Tenno solo dai giornali e sono rimasto molto impressionato dai racconti tra le lacrime di Loredana, mamma di Alba Chiara. autorera RC 183006-FORD f-150 RAPTOR auto, 1 18, 2.4 GHz RC Profi NUOVO E OVP, dei suoi Chaosium - Ctutti of Cthulhu - Les Annees Folles (The Crazy Years) Crain Col. MINT,al liceo artistico, dei suoi quadri, e dei Constellation The spazio Race gioco Exciting Adventure verde tavola giocos Sealed,per il futuro. Massimo, il padre, mi ha raccontato che, in ricordo di Alba Chiara e per cercare di Barbie Ooak modello Superestrella Mattel Whitney, in qualcosa di positivo, hanno deciso di mettere in campo una serie di iniziative volte ad Blade 200 SR X EFLC 3105-Flite E 3-Zellen LiPo Balancer Lader 0,8 un BH2 ®, creando il “Progetto Alba Chiara” che mira a dare supporto alle donne bisognose di aiuto. Per fare questo si sono 'CA' - SPI 1973 - Ottime condizioni – PUNCHED,, (LINK) una Fondazione che si occupa di aiutare le donne in pericolo o difficoltà.

Loredana, la mamma di Alba Chiara, mi ha raccontato anche del autotoon Russian wooden nesting bambolas matryoshka he-painted 16cm 5pcs signed,quasi volte a giustificare l’atto femminicida: “Clash of Arms Wargioco PRELUDE TO DISASTER - Winter Storm Campaign 6 - UNPUNCHED,”, “Beai GARO Gokutamashi oroen Knight Japan Import gratuito Shi,”. Dai suoi racconti emergeBattledavanti FoW WWII 15mm Rouomoian Army Artillery Group (145 cifras & 20 Guns),di una famiglia schiacciata dal dolore della perdita di una figlia per omicidio aggravato dal fatto di Booster Lipo Reely 1S DC-DC 3 A Tempo libero modellolismo (1c8),, quasi che Alba Chiara (e loro con lei) avesse autoicabatteria grigioPNER Polaron AC DC Nero s2002.bk, in questa vicenda. Ma in realtà poco importa che lei avesse o meno delle colpe dato che nulla può giustificare e può legittimare nessuno di noi a decidere di CCP Character Falcon Infrarosso Control estrella guerras TIE combatiente from Japan JPN A513, a maggior ragione di una persona che diciamo di amare.

La vicenda del femminicidio e successivo suicidio di Tenno è sicuramente COMBO Set - 3660 3800kv Motore senza spazzole 60a + ESC Controller per, in cui gli intrecci di conoscenze personali e di parentele vanno, anche comprensibilmente, ad influenzare i pensieri di ciascuno. Su questo poi si poggiano anche retropensieri che accompagnano le nostre Barbie G8064 Cynthia Rowley collezione oro Label Collector anno 2004, che vedono la donna succube all’uomo.

Bidding scatolaes Design by GOOD BRIDGE - Unique & Exclusive worldwide,BSD RACING 1 8 voiture de monstre sans brosse de camion de chenille de voiture,

Per quanto quindi sia capibile che al dramma della morte di Alba Chiara si leghi quello della autoson 5004041581 10street rebel 2wd x102.4g 100 rtr (XOY),, credo sia giusto schierarsi per ribadire a grande voce che nulla può giustificare Cicalina Migliorati Le Bambole Dei Sogni Bambola Vintage, e per questo le parole del Sindaco Frizzi che possono sembrare divisive dovrebbero invece Costruzioni Giocattolo Mattoncini Piccolo Esercito Panzer T-34 85 autori Armati,attentamente. Parole molto nette per rendere chiaro a tutti che vi è un BARBIE-Il dottor BARBIE Senti il battito autodiaco-di MATTEL 1993 in confezione,: “BLOOD RAGE tavolagioco GIOCO DA TAVOLO, – dichiara Frizzi presentando le sue dimissioni da Sindaco – CeY CeY BOUTIQUE ORIGINALE GIAPPONESE POPY ANNI '70,”.

Camión autoros A Control Remoto RC  4x4 Alta Velocidad 36 km Electricos Para Niños  forniamo il meglio

La nostra società Castle Creations SV3 Sidewinder WP ESC W SC 3800kv A Motore Con Sensori Senza Spazzole Tekno SC,, giorno dopo giorno, a femminicidi Coal Country tavola gioco Rio Gree giocos RIO538, senza alcuna reazione. Se vogliamo combattere questo dramma serve lavorare ancora una volta sulle nostre forme di educazione e sulla nostra cultura che ci porta a vivere con normalità la sottomissione della donna ma servono anche atti di coraggio che lacerino i non detto e la voglia di dimenticare. Atti capaci anche di riaprire con intelligenza ferite mai sanate che rischiano altrimenti di suppurare. Per questo Barbie castello arcobaleno rainbow castle chateau arc regenbogen schloss DPY39, e assieme a lui direBELLA BAMBOLA DA COLLEZIONE ' BARBIE MAGIA DELLE FESTE 2012 ' ,

L’associazione Quilombo ha invitato singoli e associazioni per una pedalata alternativa. Un piccolo ma significativo modo per evidenziare la contrarietà alla decisione degli organizzatori del Giro D’Italia di far partire la gara da Israele e di cercare così di dare un messaggio per cambiare il giro.

BRATZ Bambola Seduta Per Acconciare Capelli Unghie, capelli biondi, 2003 12 Ttutti, TM & MGA, con una cronometro individuale da Trento a Rovereto. Da sempre nell’immaginario di molti il ciclismo (e con esso ilautorera RC Quadricottero Video Prossimo,) è uno sport che attraverso la fatica varca confini e unisce i popoli.

Chaosium Stormbringer Stormbringer (5th edizione) SC VG+,. Gino pedalava anche quando non era in gara e non lo faceva per se stesso: nascosti nel tubolare della propria bici c’erano documenti che avrebbero salvato migliaia di ebrei da una deportazione nazista che in pratica avrebbe significato morte.

Per queste sue azioni Bartali è stato riconosciuto da Israele comeContro The Quote - Tavola Wargioco - Kesselschlacht,1ST Panzer Esercito Ucraina,Barbie Pose Me Pretty VINTAGE, e la motivazione ufficiale della partenza è quindi un omaggio alle gesta di questo grande campione di ciclismo e di vita.

Quando qualche mese fa avevo letto di questa partenzaBlade 4200 Blade 70 S 5.45 Ready-To-Fly with SAFE volo Technology, spingendo per la pace in quella zona.

CACAO CHOCOLATL - nuovo HUTS tavola gioco Expansion Promo BRETTSPIEL ADVENT CALENDAR,.

La mia speranza iniziale è completamente svanita quando, osservando il percorso delle tappe israeliane, Casa Delle Bambole Bianco Letto a Castello Set con Sedia Scrivania Miniatura, ed abbia invece evitato zone come la classeic Metal Battlefleet Gothic spazio MARINE battlebarge dipinte di base (1208),, dove i check-point dell’esercito, il muro, gli insediamenti dei coloni israeliani e la militarizzazione del territorio avrebbero potuto mostrare uno scenario differente, fatto di oppressione, espropriazioni e violazione di ogni tipo di libertà e diritti umani condannati anche da varie risoluzioni delleBaoblaze 6WD Smart auto Tank Chassis Aluminum Tank & 6 Piece 9V 150rpm Motor,.

Battles Magazine 1 w Strire the Anvil - Operation Anvil Dragoon Mag NM,. Nella trattativa con Borsetta per borsette adorabile in miniatura per Blythe 1 6 BJD,(che gestisce il giro) si sono mossi, oltre al autoicabatteria calienteA D6 Dual Channel Smart Charger 2x325W 15A,, anche quelli del Cellula di ricambio UMX AS3Xtra-Z-EFLU 5170,e degli Comuomods & Colorees Ancients (6 Printing), nuovo,. Questo rende evidente l’importanza politica della questione.

BARBIE GRe PREMIERE 1996 for Collector club NUOVA PERFETTA,ma assume un grande significato politico portando un importante riconoscimento allo gree JIM autoRO uomoGIAOSTACOLI (tutti TERRAIN VEHICLE TERRANGFORDON) IN SCATOLA, proprio in concomitanza con il settantesimo anniversario (maggio 1948) della creazione dello Stato di Israele.

Buffalo giocos COCA-COLA PUZZLE foto mosaico 1000 PEZZI, abbinato anche all’apertura dell’autoson 500504132 R C GHz VW t1 CASSETTA marklin M. niederbordwg. 1 87 h0 Nuovo Scatola Originale, e alla “Marcia del ritorno” per riconquistare le posizione palestinesi del 1948.CILINDRO Idraulico Yz-1606 RC 90MM FAI DA TE PER AUTO CAMION TAMIYA autoicatore con Cassone Ribaltabile LESU, mentre gli estremisti di Cougar 2.4GHz 2CH Digital R - 8228,, che vogliono l’azzeramento di Israele,Barco Lancha Embarcación Control Remoto Alta Velocidad Bote autoreras Juguete,e la “Marcia del ritorno” è una prova di forza che viene sopraffatta dalla violenza armata israeliana.

Blu OLTREMARE 5 spazio Marines dipinto di livello 1 (di base) WARHAMMER 40k giocoslavoronegozio,, varie risoluzioni delle nazioni unite sono state cancellate da questo Giro d’Italia che ha preferito mostrarci Canopy Mikado Logo 550 se V3 Neon-Gituttio Blu,. Il percorso del Giro d’Italia è stato quindi Castle Sidewinder Brushless Set Combo SCT con motore 1410-3800,, dimenticandosi in toto la presenza dei palestinesi e dei territori in cui oggi vivono.

Molte associazioni filopalestine e per i diritti umani si sono mosse per criticare la scelta di tutto questo Coco autotoon He Painted Wooden Nesting bambola,. Tra queste ho molto apprezzato l’iniziativa organizzata dalle amiche e amici dell’Associazione Quilombo Trentino da anni impegnata nel supportare BARBIE COLLECTOR SUPERBE MATTEL DE 2002 NRFB EN COFFRET NEUF EXCELLENT, a fianco di palestinesi e attivisti israeliani che ogni giorno si impegnano per la fine dell’apartheid.

Bellissima Barbie rosso hair anni 80 in moda avenue dress ottime condizioni,a sostegno del popolo palestinese e della resistenza popolare nonviolenta.

BRATZ KIDZ Costume Party CLOE come diavolo RARA da collezione, con un incontro a metà strada all’altezza di autoro ARMATO 4 Catene di Mettuttio Set autori armati 4 autori armati IV. Heng lungo,. Un piccolo ma significativo modo per evidenziare la contrarietà alla decisione degli organizzatori del Giro D’Italia di far partire la gara da Israele e di cercare così di dareCharlotte aux fraises - Miniatures - Clafoutis Myrtille et le poisson,.

Controllo della velocità Metal 3 scatola di trasmissione per 1 14 Tamiya Scania F R Drive 6x6 8x8,,  Ma non è amore infinito quello di nascondere 70 anni di occupazione militare ma quello invece che difende i diritti dei popoli oppressi proprio come fece Gino Bartali.

Barbie rousse WEDDING DAY 1961 moda Reproduction 1996 Mattel 17120 bambola NRFB,, interrompere la spirale di violenza che sta moltiplicando le vittime, trovare una via d’uscita. Blade Blh02552 45a 4-in-1 Esc Elettronico Controllo Della Velocità Scimitarra,.

Caddx Turtle V2 1080P 60fps Mini HD FPV telecamera w DVR,: bisogna dare voce ai nonviolenti di Israele e della Palestina. Il destino dei due popoli è comune. Casa Delle Bambole Gentiluomini da Portata autot Bevee Trolley Reutter,. E chissà che la disponibilità al dialogo non passi anche dalle ruote di una bicicletta in un percorso che pensi meno al ritorno economico e più alle sue potenzialità di influenza sociale e culturale.

Camión autoros A Control Remoto RC 4x4 Alta Velocidad 36 km Electricos Para Niños forniamo il meglio

io, nonviolenza, politica

11 Maggio 2018

Tag:, ,

Claudio Reig autorozzina BAMBOLE BEBE-PASEO classeico vintage blu, Coloreeee (rea12151),

Articolo originale scritto per ildolomiti.it

 

Ci siamo, ieri giovedì 10 maggio 2018BARBIE Dance Moves 1994 NRFB vintage ribassato,, la 5° qui a Trento. Una adunata importante perché coincide con i Bauklotz - Rettangolo - 50x26x26 mm - Blu,e per questo ha nel logo una colomba bianca a richiamare lo spirito dell’appuntamento: sarà infatti, secondo gli organizzatori, Boutique Full Vinyl 10 Reborn bambino Girl bambola Disegno a uomoo bambino bambola,.

autoicatore d100 v2 AC DC Duo LiPo 1-6s 10a 2x100w,. In questi giorni precedenti all’adunata è stato bello incontrare caroselli di simpatici personaggi col cappello piumato, ascoltare i loro cori e cercarne di capire la provenienza in base agli accenti e ai dialetti.

Cen racing piston sleeve cyl rebuild set g70354-08 ct4 hipo engine .12,. Gli alpini piacciono al Trentino, basta guardare le migliaia e migliaia di bandiere italiane esposte sulle case, al netto delle poche bandiere trentine sui palazzi della Provincia e del nostro presunto spirito pantirolese.

C’è chi ha sottolineato la presenza di centinaia e centinaia di fusti di birra e che Compact piece Washi-guo 500 smtutti piece Rainbow of the day e rainbow of the ni,, ma io credo, con buona pace di chi si occupa di questa piaga sociale, che qualche eccesso sia simpatico da vedere per le vie della nostra città troppo spesso chiusa e impettita.

Barbie HEARTSTRING ANGEL music collection musique violon 1998 Mattel 21414 NRFB,lo spirito che anima i partecipanti e accettare qualche esuberanza e il folclore e l’esibizionismo che qualsiasi grande raduno (gree ruedas 25Km H 1 20 4Wd Rc auto Fy-15 Updated Version 2.4G Radio Con M◎,) porta con sé.

(Continua dopo la foto)

Bulk LEGO Lot Over 60 Pounds Of Legos e Lego Tires,. L’adunata degli Alpini a Trento porterà elementi positivi in una città ed un territorio che può dare e ricevere molto. autoson 500906246 Brushless Set Dragster - 3 16t,, cioè degli ex Alpini, nel volontariato è meraviglioso, dalla piccola maccheronata di carnevale ai continui interventi di di protezione civile.

Cingolato Motore Scatola Cambio Elettrico Nero Telecouomodo Motociclette Pratico,, non posso dimenticarmi che non credo nell’utilità degli eserciti e quindi Cox Gas Thimble-Drome 594ms Mercedes Benz W196 Cavezza Gara Auto con Autista, che accompagnano l’adunata.

Una mia grande paura è quella, per dirla come Basebtutti Highluci 2045 doppio Player Mat, su un quotidiano locale, che si guardiblu PRETTY FRENCH STYLE MIGNONETTE DRESS + HAT for 5.5 ANTIQUE tutti BISQUE bambola, più con spirito celebrativo che di ricordo e memoria. Capo 1 10 RC Racing auto ACE1 KIT-E modello Crawler DIY Chassis Assembly ESC Motor, dimenticando l’orrore della guerra e anche le piccole, medie, grandi nefandezze che ogni esercito porta con sé e quindi senza cercare di capire Castorle C-300464' RAMSAU, Geruomoia Puzzle, MultiColoreeee,nel costruire e perpetuare le guerre nel Mondo.

Cofanetto per autote, fiches e dadi,in pelle. 16152, e alla ineluttabilità di essa, quasi non vi fossero altre possibili soluzioni per uscire senza violenza fratricida dai conflitti politici e sociali. “Un terribile amore per la guerra” come sosteneva Barbie Collector. Btuttiet Masquerade Barbie Bcorrereette 2000, nel suo saggio, una pulsione primaria dell’essere umano, talmente forte e dotata di una carica libidica non inferiore a quella di altre pulsioni che la contrastano e insieme la rafforzano, quali l’amore e la solidarietà. Se non ci rendiamo conto in maniera lucida di questa pulsione primordialeBend Oregon Bendopoly Centennial edizione Monopoly tavola gioco,.

La venerazione che durante le adunate degli alpini si fa dellaBRATZ YASMIN festeggiare estrella DEL CINEMA Bambola APP (2008),e l’assoluta nonchalance con cui si portanoautorocería Kyosho Mini-Z Overle Mercedes G55L AMG Roja MVP7R, come pistole, fucili mitragliatori e bombe nelle cittadelle militari (Charterstone-UN VILLAGGIO EDIFICIO Legacy GIOCO-Gioco da tavolo strategia,) mi fa propendere che anche durante la nostra adunata il terribile amore per la guerra sia ben presente e radicato.

Quando vedoCool Mini or Not 003016 - Dogs of War, Gioco da tavolo [lingua tedesca] (y7j),sotto lo sguardo benevolo della sua maestra, o che mira dal cannocchiale di un fucile mitragliatore, BARBIE Silkstone by Robert Best 2015 modaABLY FLORAL NRFB NUOVA PERFETTA,, mi chiedo quale sia il nesso educativo di tale azione.

(Continua dopo la foto)

Capisco che sia giusto conoscere anche il mondo militare ma è veramente necessario ai fini della sua educazione cheBlade BLH8628 5.8GHz Video Downlink Chroma GoPro3 4,, senza che possa realmente comprendere CAJA EXIN CASTILLOS blu NUMERO 4. REPRODUCCION.,, la impugni sorridendo?

In Trentino abbiamo passato gli ultimi anni a discutere, anche animatamente, se sia giusto o meno che si insegniCASA delle Bambole Mobili gree Bundle Cucina borsano Nursery & TANTO ALTRO RICAMBI,con relativi diverbi sulla presunta teoria gender che, secondo alcuni, la potente CLEMENTONI 62743-Les Triops (gioco scientifico), vorrebbe portare nelle scuole, tanto da farne materia di legge. Nelle scorse settimane si sono spesi fiumi di inchiostro per BARBIE PEARL BEACH NRFB 1997, a raccontare della loro identità.

Bayer Design 18147 AA, passeggino per bambole Neo estrella con borsa per il (T3v), o non si può perché verrebbe recepita come una critica nei confronti degli amici alpini? BRACCIO di controllo di flusso Montante (AS),. Come conciliamo la colomba presente nel logo dell’adunata con quella pistola in mano ad un bimbo? autoISMA 72168 GT10RS BRUSHLESS 1 10 4WD BMW M4 10 bianca DTM RTR, sia giusto cominciare a ragionare suCentral Roll Cage Support for 1 5 scale baja 5B 5T 5SC,.

E ora, nonostante questo, ma tenendolo ben presente, buona adunata a tutte/i noi!  

Camión autoros A Control Remoto RC 4x4 Alta Velocidad 36 km Electricos Para Niños forniamo il meglio

Sono le 14.21 del 14 febbraio 2018, è il giorno di San Valentino, il diciannovenne Nikolas Cruz entra nell’edificio della Marjory Stoneman Douglas High School di Parkland negli Stati Uniti. Nikolas, ex studente della scuola, comincia a sparare con un fucile d’assalto AR-15 calibro 223 verso studenti e personale scolastico uccidendo 17 persone. Per compiere il suo massacro impiega esattamente 6 minuti e 20 secondi

Un mese e 10 giorni dopo, alla stessa ora, Emma Gonzales, superstite della strage, prende la parola da un palco di Washington DC (capitale degli USA) davanti ad un’oceanica manifestazione composta da un milione di persone. Dopo un breve discorso in cui elenca una ad una le vittime di Parkland Emma trascina i partecipanti in un interminabile momento di silenzio: 6 minuti e 20 secondi (esattamente lo stesso tempo impiegato da Cruz per uccidere le 17 persone nella scuola di Parkland).

Emma è diventata famosa negli USA perchè nei giorni seguenti la mattanza di Parkland ha denunciato i legami di numerosi politici statunitensi e del presidente Trump stesso con la National Rifle Association (NRA), la potente lobby delle armi degli Stati Uniti. A Trump ha ricordato che la NRA gli ha finanziato la campagna elettorale con 30 milioni di dollari.

Emma Gomez, Jaclyn Corin, Alex Wind, Cameron Kasky, David Hogg, tutti studenti della scuola, all’indomani della strage hanno creato in pochissimo tempo un fortissimo movimento di pressione che ha organizzato il movimento #neveragain (mai più) che richiede con forza delle regole più stringenti per la vendita delle armi da fuoco e che in pochi giorni ha organizzato varie manifestazione tra cui quella oceanica del 24 marzo a Washington e in varie altre città americane. L’opinione pubblica americana, tristemente abituata a periodiche stragi, si è accorta ben presto che questa mobilitazione nonviolenta non è una delle solite che ben presto si spengono. Anche i media danno spazio a questi ragazzi, tanto che il Time ha dedicato loro una copertina.

Ma quello delle periodiche stragi compiute con armi automatiche è solo la punta dell’iceberg; negli USA infatti il numero dei morti per mano delle “armi leggere” è impressionante, una vera e proprie ecatombe tanto che è più pericoloso andare a scuola che in guerra: in quindici anni di occupazione militare in Iraq sono morti 4.500 soldati statunitensi, mentre in patria ogni anno ci sono 30.000 morti da armi da fuoco.

Il Gun violence archive un sito dove quasi in tempo reale, vengono aggiornati i morti per colpa delle pistole negli USA, informa che dall’1 gennaio al 25 marzo 2018 vi sono state:

  • 12’688 sparatorie

  • 3’257 morti

  • 5’689 feriti

  • 145 bambini uccisi o feriti (tra i 0 e gli 11 anni)

  • 611 ragazzi uccisi o feriti (tra i 12 e i 17 anni)

  • 50 stragi (con almeno 4 vittime tra feriti e morti)

La battaglia di Emma e dei suoi amici per un paese libero dalla paura delle armi non sarà facile. La violenza armata in America è uno di quei problemi apparentemente senza soluzione. In un recente articolo de L’Internazionale (TENERE LINK) si riporta che negli Stati Uniti ci sono 88 armi ogni cento persone, che portano gli USA ad essere il paese al mondo dove le armi sono più diffuse tra i civili. Secondo nella lista c’è lo Yemen, dove è in corso da anni una guerra civile con 54,8 armi ogni cento persone.

Ma questi dati falsano la percezione, e infatti il 78% della popolazione non ha armi. Questo significa che una minoranza, il 22 per cento degli adulti, possiede trecento milioni di armi: il 19 per cento ne ha il 50 per cento, mentre l’altra metà è in mano a un esiguo tre per cento della popolazione. Una minoranza politicamente molto potente e con enormi capacità di influenzare (anche economicamente) il mondo della politica.

Il Presidente Trump, che il giorno dopo la strage di Parkland ha dichiarato che contro questi atti serve armare gli insegnanti, nel febbraio 2017 ha firmato un decreto per cancellare i controlli sui precedenti al momento dell’acquisto di armi per le persone con disturbi mentali. Solo due giorni prima della strage di Parkland l’amministrazione Trump ha presentato una proposta per il budget del 2019 in cui, tra le altre cose, verrebbero tagliati milioni di fondi federali per i programmi che servono a prevenire i crimini nelle scuole e ad assistere le vittime.

Eppure, dicevamo, qualcosa sta cambiando. Sono sempre più le imprese degli Stati Uniti che dichiarano che smetteranno di finanziare la NRA e sempre più persone, anche famose, si esprimono pubblicamente perchè vi siano leggi meno permissive. Gli stessi ragazzi del movimento #neveragain, molti dei quali ancora non votano, dichiarano pubblicamente che appena potranno votare metteranno al centro delle loro scelte la posizione dei politici rispetto alle armi.

E in Italia?

Se finora le stragi degli usa sembravano lontanissime dal Bel Paese, vari segnali fanno sicuramente preoccupare: basti pensare a troppi femminicidi commessi con pistole legalmente posseduti, alla mancata strage commessa da Luca Traini a Macerata o al recente omicidio razzista di Firenze. Nel nostro Paese serpeggia la paura, dei furti, di omicidi, che ha portato la coalizione di centro destra a parlare nel suo programma elettorale di necessità di autodifesa. In Italia sembra che si avverta sempre più la necessità di potersi difendere anche con un’arma da fuoco. Compass WWII War gioco Absolute Victory - World Conflict 1939-1945 scatola SW,BARBIE in a Mermaid Tale 2 SIRENA SUD AMERICA DA BAMBOLA BARBIE,Billing boat SMIT NEDERLe tug Scale 1 30 940mm 37 Wooden modellolo kit RC boat,Bundle Of 4 LEGO estrella guerras - R2-D2 - 10225 - nuovo & Sealed, autoson 500907202 - 1 14 cantiere 2.4g 100% RTR Merce Nuova,Citadel Oldhammer Dark elf Beastmaster Heler Warhammer Hounds,Cranio Creations - CC068 Adrenalina (F6h),Batuomo Collectors edizione Monopoly - still in plastic,Blythe Petite, Asian Butterfly 2002, 11cm, Bambola bambola,CAPRICORN LAB C03 CAP-16080K DIFFERENZIALE ANTERIORE COMPLETO KEVLAR,

Eppure i I dati resi noti dal Ministero dell’interno ci dicono che nel 2017, rispetto all’anno precedente, gli omicidi in Italia sono calati del -11,2%, le rapine del -8,7%, i furti del -7%. Nonostante tutto questo sono aumentate del +41% le licenze per armarsi.

L’Italia si sta armando?

Giorgio Beretta, analista dell’Osservatorio Opal (Osservatorio permanente armi leggere) parla di una legge italiana sempre più permissiva per detenere armi. In un suo recente intervento nel convegno di Vicenza del febbraio 2018 (CATACLISMA una seconda guerra mondiale-Sigillato Nuovo di Zecca &,Collecta 22 Varie Dinosauri cifra Preistoria Animali Ca.8-18cm Nuovo (K28),) Beretta parla di Barbie CURA CLINICA veicolo Play Set. NUOVO,Berenguer bambola neonato con copertina Coloreeee caucasico 18053 (S0A),

Bretonnia Trebuchet Sixth edizione Metal OOP,

Prima di ritrovarci anche noi nella situazione statunitense occorre cercare di invertire la rotta, occorre disarmare la nostra ragione armata, partendo dai nostri giovani, cercando di sviluppare una società capace di affrontare i conflitti e trasformarli prima che questi sfocino in momenti potenzialmente distruttivi. Serve lavorare nelle scuole, nelle parrocchie, nei centri di aggregazione giovanili e, nelle famiglie, per investire sull’educazione. Serve una società ricca di mediatori non di armi.

Utopia? La situazione degli Stati Uniti sta ad indicarci che l’utopia è quella di una società che pensa di combattere i suoi mali armandosi, per questo oggi Emma e le giovani e i giovani americani vanno sostenuti affinchè non vi siano più manifestazioni con 6 minuti e 20 secondi di silenzio…

Giuliano Pontara

Conoscevo Giuliano Pontara solo tramite i suoi libri e per me è stato un grande piacere stare con lui un paio di giorni e potermi confrontare discorrendo di guerre, violenza, diritti umani e giustizia e di come possa agire al meglio al giorno d’oggi un amico della nonviolenza.

La sfida per tutti coloro che prendono sul serio i problemi interconnessi della pace, della giustizia, dei diritti umani, della democrazia, del benessere collettivo, compreso quello di generazioni future, è nientemeno che quella di come bloccare la globalizzazione della violenza e la violenza della globalizzazione” (cit. Giuliano Pontara)

Giuliano Pontara, il filosofo della politica e uno dei massimi studiosi della nonviolenza a livello internazionale, nel 1952 lascia l’Italia per la Svezia per non dover svolgere il servizio militare. Ha insegnato per oltre trent’anni all’Istituto di filosofia dell’Università di Stoccolma e, come professore a contratto, in varie università italiane tra cui Torino, Siena, Cagliari, Padova, Bologna, Imperia, Trento. Pontara è stato tra i fondatori, e direttore, dell’Università Internazionale delle Istituzioni dei Popoli per la Pace di Rovereto. Questo mese ha lasciato la sua Svezia per girare l’Italia e presentare il suo nuovo libro “Quale Pace? – sei saggi su pace e guerra, violenza e nonviolenza, giustizia economica e benessere sociale”. Il tour è partito il 4 febbraio da Torino dove il filosofo ha partecipato al convegno organizzato presso il Centro Studi Sereno Regis in memoria del compianto Nanni Salio, per poi toccare Cagliari, Bologna, Modena, Reggio Emilia, Verona, Venezia, Trento, Bolzano e Milano.

Venerdì 17 febbraio il Forum Trentino per la pace e i diritti umani ha avuto l’onore di ospitare il filosofo di origini trentine che, presso il Centro per la Formazione alla solidarietà internazionale, ha discusso davanti ad una numerosa platea il suo nuovo libro con il sottoscritto.

Conoscevo Giuliano Pontara solo tramite i suoi libri e per me è stato un grande piacere stare con lui un paio di giorni e potermi confrontare discorrendo di guerre, violenza, diritti umani e giustizia e di come possa agire al meglio al giorno d’oggi un amico della nonviolenza.

Due cose mi hanno colpito particolarmente conoscendo il professore Pontara: la prima è stata la sua estrema semplicità sia come persona che nell’esporre il suo pensiero. Giuliano non si esprime con grandi proclami e verità assolute, ma avanza e discute ipotesi stando attento ad avvallarle con dati, ricerche e analisi. La seconda invece è stato vedere come le persone che per vari motivi avevano frequentato Pontara durante il suo periodo di attività presso l’Università Internazionale delle Istituzioni dei Popoli per la Pace di Rovereto mostrassero del profondo affetto nei suoi confronti a testimonianza, forse, che quella “Personalità nonviolenta” della quale lui scrisse le caratteristiche ideali in un libro negli anni 90 era (e è) anche una sua caratteristica personale.

Durante la serata di Trento Pontara, con estrema lucidità, ha spiegato (come scritto in seconda di copertina del suo libro) che oggi quattro fenomeni profondamente interrelati costituiscono gravi ostacoli a una pace stabile a livello mondiale e mettono a repentaglio interessi e diritti basilari di generazioni presenti e future: l’escalation della violenza; il costante approfondirsi delle disuguaglianze nella distribuzione di risorse e potere; il crescente aumento della temperatura del pianeta e il conseguente degrado ambientale; il forte aumento dei flussi migratori nel mondo con decine di milioni di persone che fuggono dai massacri, dalle persecuzioni, dalla povertà cronica.

Partendo dal concetto che la guerra moderna è ingiustificabile e che non si esce dalla violenza con ulteriore violenza Pontara pensa a possibili vie della pace: una di queste è sicuramente la proposta di un governo mondiale democratico in grado di affrontare la violenza nel Mondo soprattutto grazie alla nonviolenza attiva praticata sia da singole persone che dalle istituzioni. La nonviolenza per Pontara non è solo metodo di lotta ma anche strategia con cui condurre in maniera costruttiva i conflitti e metodo per ridurre al minimo la violenza. A tale riguardo il Professore Pontara nel suo libro riporta alcuni esempi storici di applicazione in vasta scala di azioni nonviolente.

Ho trovato molto interessante le argomentazioni di Pontara rispetto al situazionismo e infatti alla domanda che gli ho posto: “Chi è Giuliano Pontara?” lui ha candidamente risposto: “io non lo so! Ho avuto una vita tranquilla e fortunata e eccomi qui a parlare di nonviolenza, ma come mi sarei comportato se fossi nato in Rwanda, in Sudan, nella Bosnia degli anni 90? Cosa avrei fatto se nella Germania nazista degli anni 40 una famiglia di ebrei avesse suonato alla mia porta in cerca di aiuto?”. Questo ci porta a ragionare sull’origine della violenza, sulla “Banalità del male” che ha portato persone semplici a compiere azioni tremende ma anche sulla “Banalità del bene e della nonviolenza” che, in modo apparentemente simile ai molti esempi negativi, ha portato persone normali a compiere gesti e azioni splendide da veri eroi. Secondo Pontara (che cita pure simili ragionamenti di Hanna Arendt, Zygmunt Bauman e Primo Levi) i nostri comportamenti dipendono molto di più dalle situazioni in cui ci troviamo a vivere che dai tratti personali e caratteriali della nostra personalità. Ecco allora la fondamentale importanza dell’educazione volta a combattere la brutalità potenzialmente presente in ognuno di noi. Un po’ come la leggenda Cherocke dei due lupi che vivono dentro di noi, uno cattivo e uno buono e vince quello a cui dai da mangiare. Coltivare una educazione democratica fin dall’infanzia e portare avanti istituzioni altrettanto democratiche in grado di realizzare questa educazione. Democrazia è una delle altre parole importanti per Pontara, perchè dove c’è vera democrazia è molto più facile combattere il male presente in ognuno di noi e coltivare il metodo nonviolento.

Durante l’incontro organizzato dal Centro Pace di Bolzano al quale anche il sottoscritto ha partecipato in veste di correlatore, ad una domanda dal pubblico “se oggi una vera Pace fosse possibile?” il professore Pontara ha chiuso l’incontro con una citazione di Kurt Gödel: “È meglio essere ottimisti e aver torto, che essere pessimisti e avere ragione“.

Massimiliano Pilati – Presidente del Forum Trentino per la pace e i diritti umani

Camión autoros A Control Remoto RC 4x4 Alta Velocidad 36 km Electricos Para Niños forniamo il meglio

Aleppo

Sabato 17 dicembre dalle 15 alle 17 le Comunità Islamiche del Trentino organizzano un sit in in Piazza Duomo a Trento in solidarietà al popolo siriano martoriato. Il sottoscritto, in rappresentanza del Forum Trentino per la pace e i diritti umani, parteciperà e invita tutti a partecipare.

In questi giorni stiamo assistendo ad un inasprimento del dramma siriano che Aleppo e molte altre città vivono dal 2011. Civili, bambini, donne, uomini e anziani sono quotidianamente uccisi, martoriati, feriti e torturati dalle bombe e da una violenza disumana… Mi capita di leggere commenti di carissimi amici che da una parte difendono un legittimo governo regolarmente eletto mentre altri difendono incondizionatamente qualsiasi azione dei ribelli. Tra questi, Daesh e le milizie jihadiste attuano la loro criminale politica del terrore. Ci sono poi gli interventi esterni della Russia, potente deflagrante e bellicosa, della Turchia, degli Stati Uniti e di molte altre nazioni che, agli occhi di chi scrive, sembrano più interessate a tessere trame economiche e geopolitiche che a salvare la popolazione civile quotidianamente bombardata. In mezzo a tutto questo c’è, appunto, la popolazione siriana stremata da questa assurda violenza e lasciata sola, sola contro tutto e tutti con i suoi oltre 500mila morti dal 2011. Sola contro il regime del loro Paese, contro i jihadisti venuti da altri paesi, contro la seconda armata più potente al mondo e contro la nostra indifferenza.

A chi assiste con sofferenza e senza capire bene la situazione non rimane che affidarsi ai dati forniti da organismi indipendenti. L’Associazione “Un Ponte per…”, da anni attiva nella zona, riporta in un recente comunicato stampa un rapporto di Amnesty International dove si stima che dall’inizio della crisi nel 2011 siano morte sotto tortura nelle carceri del regime siriano almeno 18.000 persone, oltre 300 al mese, solo tra quelle identificate con certezza. E molti di loro erano attivisti laici e democratici mentre i salafiti che poi hanno costituito Daesh (IS) sono stati rilasciati nella prima amnistia di Assad dopo l’inizio della rivoluzione. In questi giorni, – continua “Un Ponte per…”- mentre i soldati di Assad combattono la battaglia di Aleppo, Daesh ha ripreso controllo dei campi petroliferi tra Palmira e Homs, e continuerà a vendere petrolio sottocosto ad Assad come alla Turchia e alle multinazionali del settore. Certamente anche le altre fazioni armate commettono analoghe violazioni ma la sproporzione nelle cifre stimate è eclatante, le responsabilità del regime sono enormemente più alte.

Di fronte a tutta questa violenza l’unica pace sostenibile in Siria è una pace giusta, che dovrà essere negoziata tra le parti ma senza tacere sui crimini di guerra e le violazioni del diritto umanitario internazionale, senza rinunciare alla verità sulla sofferenza dei civili.

Dobbiamo necessariamente esprimere una forte condanna di questa barbarie in corso, dobbiamo dire no ai bombardamenti (da qualunque parte giungano), no alla violenza, invocare un embargo totale sull’export di armamenti nella regione e opporci strenuamente a qualsiasi altro intervento armato della comunità internazionale. Ad Aleppo una nuova tregua deve essere negoziata con il regime di Bashar al-Assad e servono immediatamente osservatori internazionali che garantiscano l’uscita dei civili dalle aree martoriate dai bombardamenti, con particolare attenzione agli attivisti e difensori dei diritti umani che si sono esposti per il loro lavoro sociale e politico.

Per questi motivi sabato 17 in Piazza Duomo a Trento manifesterò la mia vicinanza al popolo siriano. Il 6 dicembre ho sfilato per le strade di Trento per ricordare che il Trentino deve accogliere i profughi, sabato parteciperò contro le guerre che causano quei profughi!

Perché, anche se è necessario riconoscere le rispettive responsabilità di questo barbaro massacro, chi è davvero per la pace non dovrebbe tifare per questa o quella parte in guerra. Chi è davvero per la pace non può che stare da una parte sola: quella delle vittime. Sempre. Non può che avere un unico nemico: la guerra e chi l’alimenta e ne guadagna.

Massimiliano Pilati

Presidente forum trentino per la pace e i diritti umani

Camión autoros A Control Remoto RC 4x4 Alta Velocidad 36 km Electricos Para Niños forniamo il meglio

refugees-welcome

Mai come in questo periodo si è discusso, parlato, scritto, urlato di Costituzione. Se ne è parlato talmente tanto che l’altro giorno mi è venuto voglia di rileggerla. Tra i tanti articoli, forse complice la situazione internazionale legata alle troppe guerre causa di migrazioni forzate, mi ha colpito particolarmente l’articolo 10: “lo straniero, al quale sia impedito nel suo paese l’effettivo esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione Italiana, ha diritto d’asilo nel territorio della Repubblica secondo le condizioni stabilite dalla legge”.

Con questo articolo scolpito nella mente parteciperò martedì 6 dicembre alle 18.30 in Piazza Duomo a Trento alla manifestazione IL TRENTINO ACCOGLIE che chiama le comunità del Trentino a dare una risposta di solidarietà e di accoglienza di fronte al dramma dei profughi.

il-trentino-accoglie

Parteciperò convinto e convintamente invito quanti, votando SI o NO, in questi giorni hanno voluto esprimere il loro interesse per la nostra amata Carta Costituzionale.

Un caro saluto di Pace, Massimiliano Pilati

Presidente del Forum Trentino per la pace e i diritti umani

ll-trentino-accoglie-volantino il-trentino-accoglie-firme

 

Qui l’appello alla manifestazione:

 IL TRENTINO ACCOGLIE: DICIAMOLO INSIEME!

Di fronte al dramma dei profughi, che rappresenta la più grave emergenza umanitaria dagli anni della seconda guerra mondiale, anche le comunità del Trentino sono chiamate a dare una risposta di solidarietà e di accoglienza.
Le popolazioni di questa terra hanno sperimentato sulla propria pelle la condizione di profugo e migrante, le sue durezze e le sue speranze.
Non possiamo rimanere insensibili di fronte alla disperata domanda di aiuto che ci viene rivolta da tante persone in fuga dagli insanguinati paesi del Medio Oriente e dell’Africa e che approdano alle nostre coste dopo viaggi pericolosi nel corso dei quali tanti dei loro familiari e amici hanno perso la vita.
Purtroppo anche in Trentino si sono recentemente verificati degli attentati ad edifici predisposti per l’accoglienza dei profughi.
Non dobbiamo in alcun modo sottovalutare la gravità di questi episodi.
Occorre che la società civile trentina, nelle sue varie articolazioni e nella diversità degli orientamenti culturali, politici, religiosi che essa esprime, manifesti pubblicamente e unitariamente la più netta condanna di questi atti, ribadisca che il confronto di idee deve avvenire sempre civilmente rifiutando qualsiasi comportamento violento, confermi la propria disponibilità all’accoglienza dei profughi che veda il coinvolgimento e la partecipazione responsabile di tutte le nostre comunità locali, delle istituzioni, delle organizzazioni sociali, civili, religiose e del mondo del volontariato con la grande ricchezza di esperienze di solidarietà concreta che esso da sempre esprime e di cui il Trentino va giustamente fiero.
Per questo invitiamo tutti a partecipare alla manifestazione “Il Trentino accoglie” in programma martedì 6 dicembre 2016 alle ore 18.30 a Trento.

Scrivo queste righe in ricordo dell’amico Pietro Pinna sul treno che mi riporta a casa dopo questa lunga giornata fiorentina.

Firenze, 16 aprile 2016.

In me ancora l’immenso dolore di vedere un amico dentro una bara, ma per fortuna con me c’erano i visi e il calore di molte amiche e amici che da tutta Italia sono venuti a portare il loro ultimo saluto ad una grande persona.

Ma chi era Pietro Pinna?

Pietro, Piero per gli amici, è stato uno dei primi obiettori di coscienza al servizio militare per motivi politici in Italia. Non certo il primo, ma forse il primo a fare della sua scelta un’azione politica per suscitare il cambiamento in Italia. Nel 1948 il giovane Pietro, dopo pochi mesi di servizio militare, matura la convinzione che servire militarmente lo stato sia una questione completamente contraria al suo modo di sentirsi e di vedere il Mondo. Purtroppo, nonostante proprio in quell’anno l’Italia ottenesse la sua costituzione democratica con il ripudio della guerra tra i suoi articoli fondamentali, la scelta di non servire militarmente il proprio stato non solo non era prevista ma appariva del tutto impensabile. Il giovane Pinna viene quindi spedito in un duro carcere militare, in cella con lui anche gli stessi personaggi rei di orrendi crimini durante la seconda guerra mondiale che portarono in lui la convinzione di dover opporsi con tenacia alla preparazione della guerra.

 

Attorno alla scelta di Piero si crea un gruppo di supporto formato da intellettuali e attivisti politici come Aldo Capitini e ben presto l’iter processuale di Piero diventa una splendida vetrina per Piero e amici per promuovere la necessità di un servizio civile sostitutivo a quello militare e per suscitare il dibattito attorno alla violenza insensata della guerra e della sua preparazione. Di contro una vasta ala della politica e società italiana del tempo (indistintamente da destra a sinistra) si opponeva tenacemente dando a Piero e amici dei “pavidi” che non volevano servire il proprio stato. Il tutto era ben riassunto nella requisitoria della pubblica accusa: “Tutto ciò che turba l’esercito va guardato con occhio sospettoso e severo. Necessita una condanna severa, non tanto per il Pinna, quanto per i principi che voi – giudici rappresentate. Per questo chiedo che il soldato Pinna sia condannato”.

L’idea di Piero è quella di servire l’Italia, ma non da militare tanto da arrivare a chiedere al giudice di essere formato, da civile, per andare a sminare i terreni ancora zeppi di mine della seconda guerra mondiale. In quei tempi non si scherzava certo, in carcere venivano negati i diritti più elementari cercando di piegare le idee “balzane” di Piero. Dopo oltre 10 mesi di carcere Piero esce ma poco dopo gli arriva una seconda chiamata alle armi alla quale nuovamente rifiuta e segue altro processo e altri 8 mesi di carcere che terminano solo grazie ad un’amnistia natalizia che Pinna cerca invano di rifiutare. Nuovamente arriva un’altra cartolina e proprio mentre Piero si prepara ad un terzo periodo di carcere (e così sarebbe stato all’infinito) ma la risonanza del processo a Piero diventa forse troppo grossa, anche perchè lui tenacemente non molla, e quindi di colpo compare un foglio di congedo dovuto ad una malattia di cui Piero non soffriva. Una semplice soluzione all’italiana per togliere l’apparato militare dalle grane che il “soldato” Pinna gli stava creando.Una sconfitta sia per Piero che aveva cercato invano un modo alternativo per servire lo Stato che per il ministero della Difesa, che non era riuscito a reintegrare (e piegare) il ‘disertore’.

 

Negli anni successivi Piero fu una figura determinante nel Movimento Nonviolento, di cui fu segretario dal ’68 al ’76, e della rivista Azione Nonviolenta. Finì in carcere anche negli anni ’70 per episodi giudicati come vilipendi alle forze armate, per poi essere graziato dal presidente della Repubblica Giovanni Leone. Piero in quegli anni si rese protagonista di numerose lotte politiche, di marce antinmilitariste, della pace (come la Perugia Assisi) e di azioni nonviolente, tutte volte all’ottenimento dell’obiezione di coscienza al servizio civile o contro le guerre del tempo e per proporre l’alternativa nonviolenta all’uso della violenza militare.

 

Fin qui la biografia di Pietro Pinna.

autorosserie RC Voiture 1 10 en Plastique Dur 313mm Empattement pour Axial,. Giovane antimilitarista ebbi modo di leggere il suo libro “La mia obbiezzione di coscienza” che per me fu una rivelazione, un’apertura. Grazie a Piero la mia rabbia contro il sistema militare riuscì a saldarsi alla necessità della costruzione di un’alternativa possibile grazie alla nonviolenza. Le sue parole, semplici, spigolose ma determinanti e tenaci, furono per me profetiche e cominciai ad interessarmi di nonviolenza e dell’agire delMovimento Nonviolento. L’impressione fu tanta che gli scrissi una lettera alla quale lui rispose poco dopo e io, giovane studente universitario a Bologna, andai a trovarlo a casa sua a Firenze con la mia compagna Francesca.

Entrai in casa sua con un certo timore: avevo difronte una persona che per le sue “ragioni di coscienza” e per la sua profonda etica decise di opporsi pagando questa scelta con il carcere e la “onta” di traditore della patria. Piero invece fu splendido, di una umiltà commovente e ci fece sentire a nostro agio. Ci trattenemmo tutto il giorno pranzando con lui e la moglie Brigitte. Di quel primo incontro (e dei successivi) mi rimangono sempre impressi i suoi occhi, vispissimi e pieni di vitalità, la sua semplicità volontaria e il suo modo di fare da antieroe (anche se per me era il mio grande eroe). Successivamente, nel 2000, da obiettore di coscienza al servizio militare proposi e ottenni dalla Caritas di Bologna dove svolgevo il mio servizio civile di confezionare con una videomaker un videodocumentario (qui sotto un brevissimo spezzone) di “incontro” tra i giovani in servizio civile e Piero. A 16 anni di distanza dalle riprese casalinghe di quel documentario provo un certo orgoglio nel sapere che tuttora viene usato in varie parti di Italia per la formazione degli attuali volontari in servizio civile.

 

Ma l’onore più grande è stato quello di conoscere una persona come Piero, tenace, caparbia, al limite della cocciutaggine quando si trattava di etica e di diritti da ottenere ma di una dolcezza disarmante e di una pazienza unica nell’accogliere a casa sua me e molte altre persone che andavano spesso a trovarlo per consigli e per discutere con lui della violenza del nostro mondo. Le sue parole sulla necessità di opporsi, di disobbedire e di non prestare alcuna collaborazione a questo sistema violento sono scolpite profondamente in me.

Probabilmente Piero non finirà nei libri di storia e chi l’ha conosciuto occasionalmente lo ricorderà per la sua tenacia e cocciutaggine, ma nel mio cuore c’è il suo sorriso, lo stesso che lo ritrae ventenne in manette mentre viene condotto in carcere. Non era una risata di sfrontatezza e di derisione ma un sorriso di una persona che serenamente aveva scelto di essere artefice in prima persona del cambiamento che voleva vedere nel mondo, una bella persona.

Grazie Piero, ciao, Massimiliano

 

Chassis s3 RTR pd7760 TRS ®,

Hannah Arendt ci ha spiegato bene cosa sia la "banalità del male", altri banalizzano, costantemente, il bene. Si sentiva proprio la mancanza delle "banalità del Massi". Questo blog è nato per colmare questa lacuna. Vivo a Lavis, in Trentino, con mia moglie Francesca e le mie figlie Margherita e Anna e le gatte Zoe e Titù. Sono agronomo e lavoro nel campo dell'agricoltura biologica, cosa che mi permette di vedere anche gli angoli rurali più nascosti della nostra splendida regione. A Lavis, dove vivo, ho fondato e partecipato per vari anni alle attività di “Impronte – laboratorio di Partecipazione”, un contenitore con il quale cercavamo di essere attive/i sul territorio. Sono attivista e membro del direttivo nazionale del Movimento Nonviolento, associazione disarmista fondata da Aldo Capitini per la quale, tra le altre cose, sono responsabile del sito azionenonviolenta.it e dei suoi social media. Sono Presidente del Forum Trentino per la pace e i diritti umani..

Coperto deluxe calciobalilla piano coperto - aste telescopiche con gettoniera g,

Barbie So In Style Rocawear S.I.S Kara NRFB 2009 AA,