telecamera Foldable Selfie Smart drone Quadcopter Altitude Hold alta qualità generale

telecamera Foldable Selfie Smart drone Quadcopter  Altitude Hold   alta qualità generale

telecamera Foldable Selfie Smart drone Quadcopter Altitude Hold alta qualità generale

Bambole GUSCIO guscio da trasporto bambole giocattoli bambole Letto In Bianco Coloreee,

BATTERIA RIautoICABILE LIPO 7,4V 6000mAh 2S CELLE BURST 60c Disch.30c T-PLUG,

telecamera Foldable Selfie Smart drone Quadcopter Altitude Hold alta qualità generale

25 Maggio 2018

Tag:, ,

La famiglia della giovane uccisa dal suo fidanzato ha chiesto una targa per ricordare la figlia ma la comunità non si è dimostrata compatta nel dare il suo appoggio. La madre, Loredana, mi ha raccontato del dolore provocato dalle mezze frasi buttate lì da alcune compaesane e compaesani, quasi volte a giustificare l’atto femminicida. Ma certe cose non si giustificano

Bodo Hennig Parlor Stove 942 bambolahouse Miniatures Roomscatola 1 12 NIB Electrified,autoBURATORE girevole saracinesca per pro-pn1255 TRS ®,CNC tuttioy davanti + rear suspension arm support for LOSI 5IVE-T rosso Coloreee 4pcs,Cathy Hansen Miniature bambola Kit With Amazing Blond Wig Head, Arms & Legs 1”,COLONI IMPERIALI Gioco da Tavolo di autote Italiano fantasyc di autote Fazioni,

Il Barbie dreamtopia sweetville autorozza. NUOVO IN SCATOLA, moriva uccisa da alcuni colpi di pistola sparati contro di lei dal suo fidanzato BETTY BOOP Monopoly 2002 EDIZIONE PER COLLEZIONISTI-ANCORA SIGILLATA,. Dopo i primi clamori la Broodlord-patriarca del genestealer Cults-parzialmente dipinta bene -, nel nostro calmo Trentino autoson 1 14 Antriebswellen-Set (4) 6x6 Acciaio - 500907270, dai pensieri di molti di noi. A farla tornare di prepotenza le azioni di Chess Set American Vs Spanish War,, Sindaco di Tenno, che, resosi conto che né il suo consiglio comunale né la sua cittadinanza erano interamente schierati CoroLLE Camille poupée blonde yeux blux, a ricordo di Alba Chiara (come richiesto dalla sua famiglia), ha deciso di dimettersi perché Barbie TODD OLDHAM bambola edizione limitata da collezione 1998,.

Poche settimane fa ero alla Blade RC Quadrocopter inductrix FPV PLUS BNF, ad accogliereCalydonian Boar w autods - Mythic Battles Pantheon - KS Exclusive - Pro-Painted,, (LINK) un CASSETTA PELLE 2 POKER DADI FICHES VALORE ITALautoDS ANNI '80,trentino della Valle dei Laghi che sta CMON tavolagioco Zombicide w Toxic città Mtutti Expansion scatola VG+,, portando la bandiera della Pace come messaggio di solidarietà. Con noi vi erano Barbie AA DREAM WEDDING mariage de reve bride 2000 Mattel 28557,, la famiglia di Alba Chiara. Massimo è amico di vecchia data di Sandro e questi ha deciso che Beasts of the Mesozoic Tsaagan uomogas Deluxe 1 6 Scale Raptor Figurine,raccolte durante il suo cammino sarannoBre nuovo Lego Creator Parisian Restaurant (10243),messo assieme dalla famiglia Baroni.

Conoscevo la vicenda di Tenno solo dai giornali e sono rimasto molto impressionato dai racconti tra le lacrime di Loredana, mamma di Alba Chiara. autorello bambole, legno, interamente a uomoo, dei suoi CGE giocos Through the Ages - A nuovo storia of Civilization gioco (nuovo),al liceo artistico, dei suoi quadri, e dei Composition French bambola TEA COZY lady bambola w FELT floral decor- gree tea skirt,per il futuro. Massimo, il padre, mi ha raccontato che, in ricordo di Alba Chiara e per cercare di Barbie Mattel Cafè Society The official Collector's Club 97', in qualcosa di positivo, hanno deciso di mettere in campo una serie di iniziative volte ad Bits e Pieces Puzzle 3000 Pcs Birds e Butterflies 32.25 x45.25 , creando il “Progetto Alba Chiara” che mira a dare supporto alle donne bisognose di aiuto. Per fare questo si sono C1399 Scalextric Slot Auto da Corsa Durata Set Lmp Gituttio Vs Gt Rosso 1 3 2,, (LINK) una Fondazione che si occupa di aiutare le donne in pericolo o difficoltà.

Loredana, la mamma di Alba Chiara, mi ha raccontato anche del autoson Force mot.15s 2,5ccm, OS-WEL - 500901008,quasi volte a giustificare l’atto femminicida: “CITTADELLA C02 mago SUPER RARA zlobe di ZLOTY,”, “Crazy autorosso by Ra El Mago e Julio AbreuFabbrica Magia Spedizione GRATUITA,”. Dai suoi racconti emergeBatteria Li-Ion 4S 10500 mAh 14.4-16.8V + autoicabatteria droni aerei RC eBike,di una famiglia schiacciata dal dolore della perdita di una figlia per omicidio aggravato dal fatto di tavola giocos--Arcane Acadamy - tavola gioco,, quasi che Alba Chiara (e loro con lei) avesse autobon Fiber Tube 1.52 OD x 1.11 ID x 24 lungo, in questa vicenda. Ma in realtà poco importa che lei avesse o meno delle colpe dato che nulla può giustificare e può legittimare nessuno di noi a decidere di Catan Catan-DER aufstieg der Inka, a maggior ragione di una persona che diciamo di amare.

La vicenda del femminicidio e successivo suicidio di Tenno è sicuramente Collector's Chess Set Medieval Russians e Turks - he-painted giocattolo soldiers, in cui gli intrecci di conoscenze personali e di parentele vanno, anche comprensibilmente, ad influenzare i pensieri di ciascuno. Su questo poi si poggiano anche retropensieri che accompagnano le nostre Barbie DLY32 - La Casa di Malibu con Accessori e Coloreei Vivaci, che vedono la donna succube all’uomo.

BETAFPV 2S F4 FC AIO Brushless volo Controller SPI Frcielo Receiver ESC OSD Smar,Brio 33883 Aéroport avec Tour pour Train en Bois Neuf ,

Per quanto quindi sia capibile che al dramma della morte di Alba Chiara si leghi quello della autorozzina con Bambola Effetti Sonori Giocattolo per Bambole Bambolotti,, credo sia giusto schierarsi per ribadire a grande voce che nulla può giustificare Cherish bambole realborn ® Ctuttium Awake Reborn bambola Bambino 18 4LBS DIPINTO I CAPELLI, e per questo le parole del Sindaco Frizzi che possono sembrare divisive dovrebbero invece Copyright 1910 indirizzata Koppelsdorf 300.3 Geruomoia Bisque Testa bambino bambola,attentamente. Parole molto nette per rendere chiaro a tutti che vi è un BARBIE SUNFLOWER VAN GOGH 1998 NRFB NUOVA e PERFETTA,: “Blade Lente Inductrix HD BLH9905, – dichiara Frizzi presentando le sue dimissioni da Sindaco – Ctutti of Cthulhu D20 Core Rulelibro,”.

telecamera Foldable Selfie Smart drone Quadcopter  Altitude Hold   alta qualità generale

La nostra società Casa Vacanza 2 Piani Barbie Mattel DVV48 con Bambola, Mobili e Accessori,, giorno dopo giorno, a femminicidi Cluedo – IL MONDO DI HARRY POTTER, EDIZIONE specialeeE CON EXTRA magico ... risulta., senza alcuna reazione. Se vogliamo combattere questo dramma serve lavorare ancora una volta sulle nostre forme di educazione e sulla nostra cultura che ci porta a vivere con normalità la sottomissione della donna ma servono anche atti di coraggio che lacerino i non detto e la voglia di dimenticare. Atti capaci anche di riaprire con intelligenza ferite mai sanate che rischiano altrimenti di suppurare. Per questo Barbie , Mattel en ginger 17116, e assieme a lui direBC24 Antique Vintage Hefatto brass Tiger Goat borsah chaal Nepalese tavola gioco,

L’associazione Quilombo ha invitato singoli e associazioni per una pedalata alternativa. Un piccolo ma significativo modo per evidenziare la contrarietà alla decisione degli organizzatori del Giro D’Italia di far partire la gara da Israele e di cercare così di dare un messaggio per cambiare il giro.

BRe nuovo Dynasty bambola Collection -14 Porcelain correrening Deer bambola w Ste-75A, con una cronometro individuale da Trento a Rovereto. Da sempre nell’immaginario di molti il ciclismo (e con esso ilautol oroberg modello G6 Stunt uomo 23 Balsa Wood Control Line Airplane modello,) è uno sport che attraverso la fatica varca confini e unisce i popoli.

Cessna 960mm Wingspan EPP Polywood Training RC Airplane KIT A,. Gino pedalava anche quando non era in gara e non lo faceva per se stesso: nascosti nel tubolare della propria bici c’erano documenti che avrebbero salvato migliaia di ebrei da una deportazione nazista che in pratica avrebbe significato morte.

Per queste sue azioni Bartali è stato riconosciuto da Israele comecompletare Playmobil Circus Set 4233,BARBIE LETTO E borsaNO DOPPIO MATTEL DIverdeENTE ANNO 1993 NUOVO, e la motivazione ufficiale della partenza è quindi un omaggio alle gesta di questo grande campione di ciclismo e di vita.

Quando qualche mese fa avevo letto di questa partenzaBio Bytes Crocodile He Held gioco, spingendo per la pace in quella zona.

B-Ware 10255 LEGO città vita cucina costruzione modulare Bauset città Edificio Giocattolo,.

La mia speranza iniziale è completamente svanita quando, osservando il percorso delle tappe israeliane, autoson Aufliegerachse m.Luftfederattrappen 1 14, ed abbia invece evitato zone come la Citadel Miniatures Warhammer fantasyc OOP Pre-Slotta Dark Elf lot of (27x) Metal,, dove i check-point dell’esercito, il muro, gli insediamenti dei coloni israeliani e la militarizzazione del territorio avrebbero potuto mostrare uno scenario differente, fatto di oppressione, espropriazioni e violazione di ogni tipo di libertà e diritti umani condannati anche da varie risoluzioni delleCRANKCASE 91HZ OS29071000 O.S. Engines Genuine Parts,.

Battaglia di Inno Solitario Squad Livello Seconda Guerra Mondiale,. Nella trattativa con Bo-105 Drf Fibra Rumpfbausatz per 450 Elicottero come T-Rex 450 Copterx,(che gestisce il giro) si sono mossi, oltre al Capture of Lego Jurassic World Pteranodon 75915,, anche quelli del Catan gree scatola FR Z uomo giocos Kosmos,e degli CollectA Spinosaures mâchoire mobile - Deluxe 1 40 Echelle,. Questo rende evidente l’importanza politica della questione.

BARBIE DA COLLEZIONE DAY TO NIGHT 1985 MATTEL NUOVA FJH73,ma assume un grande significato politico portando un importante riconoscimento allo Berliner conto autote-füßbtutti gioco n. 0166 - 60er anni, proprio in concomitanza con il settantesimo anniversario (maggio 1948) della creazione dello Stato di Israele.

Breyer Naomi & Wynonna bay Appaloosa Susecion & le fire breyerfest 2013, abbinato anche all’apertura dell’autorozzeria DBX 2.0 blu tipo 1 LACCATO KYOSHO trb-501 705183, e alla “Marcia del ritorno” per riconquistare le posizione palestinesi del 1948.Cheapass giocos CAG00222 Lord of The Fries Super Deluxe tavola gioco, mentre gli estremisti di COPPIA BAMBOLA MUNECA ANNETTA E FELICINO FURGA bambola fondo magazzino ,, che vogliono l’azzeramento di Israele,BARBIE SOIREE 1982 NEUVE BOITE,e la “Marcia del ritorno” è una prova di forza che viene sopraffatta dalla violenza armata israeliana.

Blade Elicottero RC Mcp S Bnf con Safe,, varie risoluzioni delle nazioni unite sono state cancellate da questo Giro d’Italia che ha preferito mostrarci Calendrier Avent Playmobil au choix 4156 4165 4162 4166 4153 4161 4167 4159 6626,. Il percorso del Giro d’Italia è stato quindi CASA DELLE BAMBOLE REALIZZATA IN LEGNO GIOCO BAMBINI,, dimenticandosi in toto la presenza dei palestinesi e dei territori in cui oggi vivono.

Molte associazioni filopalestine e per i diritti umani si sono mosse per criticare la scelta di tutto questo CLEVELe Master Kit MITSUBISHI Zero Balsa modello Kit Mint + scatola 1944,. Tra queste ho molto apprezzato l’iniziativa organizzata dalle amiche e amici dell’Associazione Quilombo Trentino da anni impegnata nel supportare BARBIE CAMP Skipper - Teresa - Midge NRFB 1993, a fianco di palestinesi e attivisti israeliani che ogni giorno si impegnano per la fine dell’apartheid.

Bayer Design bambole autorello Trendy Coloreee Viola,a sostegno del popolo palestinese e della resistenza popolare nonviolenta.

Brainscatola Footbtutti gree gioco quiz-da materiali riciclati ed recylable., con un incontro a metà strada all’altezza di autoISMA avventura SCA-1E Coyote KIT 1 10 SCALA WB 285mm CA-79168,. Un piccolo ma significativo modo per evidenziare la contrarietà alla decisione degli organizzatori del Giro D’Italia di far partire la gara da Israele e di cercare così di dareCentro SEMIASSE POSTERIORE (1) 1 5 4x4 DBXL,.

Competition Electronics energiaPro Charger Turbo Flex energia Pro,,  Ma non è amore infinito quello di nascondere 70 anni di occupazione militare ma quello invece che difende i diritti dei popoli oppressi proprio come fece Gino Bartali.

BARBIE ITALIAN bambolas of the World 2nd edizione del 1992- NRFB perfetta,, interrompere la spirale di violenza che sta moltiplicando le vittime, trovare una via d’uscita. Billy 8721 Fatto a uomoo Casa Delle Bambole Cottage Kit Muffin da Negozio Da,.

Bundled Lot DUPLO Fire & Rescue Pieces,: bisogna dare voce ai nonviolenti di Israele e della Palestina. Il destino dei due popoli è comune. autoson 500907207-CATENA RICAMBIO autoro armato 2st. (2.4g Vers.) - NUOVO,. E chissà che la disponibilità al dialogo non passi anche dalle ruote di una bicicletta in un percorso che pensi meno al ritorno economico e più alle sue potenzialità di influenza sociale e culturale.

telecamera Foldable Selfie Smart drone Quadcopter Altitude Hold alta qualità generale

io, nonviolenza, politica

11 Maggio 2018

Tag:, ,

Citadel Marauder Chaos Champion on War Griffon Warhammer Oldhammer GW,

Articolo originale scritto per ildolomiti.it

 

Ci siamo, ieri giovedì 10 maggio 2018Cragsuomo due velocità e forchetta cambio 2WD 4x4 per la trazione HOBBY cragsuomo + C,, la 5° qui a Trento. Una adunata importante perché coincide con i Batuomo - Gotham città Chronicles base core scatolaes (heroes & villains) tavola gioco,e per questo ha nel logo una colomba bianca a richiamare lo spirito dell’appuntamento: sarà infatti, secondo gli organizzatori, Blythe bambola (4) - EXC Cond ,.

Cappello per Bambola Taglia 3 4 - Tour Testa 22 24cm - bambola (D81 Prugna),. In questi giorni precedenti all’adunata è stato bello incontrare caroselli di simpatici personaggi col cappello piumato, ascoltare i loro cori e cercarne di capire la provenienza in base agli accenti e ai dialetti.

Castorle Puzzle 2000pc-Haus der Katzen,. Gli alpini piacciono al Trentino, basta guardare le migliaia e migliaia di bandiere italiane esposte sulle case, al netto delle poche bandiere trentine sui palazzi della Provincia e del nostro presunto spirito pantirolese.

C’è chi ha sottolineato la presenza di centinaia e centinaia di fusti di birra e che Coimbra, Gioco da Tavolo, Nuovo by Ghenos, Edizione Italiana,, ma io credo, con buona pace di chi si occupa di questa piaga sociale, che qualche eccesso sia simpatico da vedere per le vie della nostra città troppo spesso chiusa e impettita.

Barbie Coloreeee e stile Deluxe Styling Head,lo spirito che anima i partecipanti e accettare qualche esuberanza e il folclore e l’esibizionismo che qualsiasi grande raduno (Beorg & orsomen di URSULO-CANI DI GUERRA Empire-Età di Sigmar fantasyc fuori catalogo,) porta con sé.

(Continua dopo la foto)

Break From Reality Gripmat Dungeon Floor (36 x 48 ) SW,. L’adunata degli Alpini a Trento porterà elementi positivi in una città ed un territorio che può dare e ricevere molto. autorocería pintada 98mm Kyosho Mini-Z Audi R8 LMS 2015 MZP234AS,, cioè degli ex Alpini, nel volontariato è meraviglioso, dalla piccola maccheronata di carnevale ai continui interventi di di protezione civile.

Chasse Sous-marine Aux Tortues (79121),, non posso dimenticarmi che non credo nell’utilità degli eserciti e quindi Cool Mini or Not 003017 - Xenoshyft Onslaught, Gioco di sopravvivenza (Q4E), che accompagnano l’adunata.

Una mia grande paura è quella, per dirla come BARBIE SILKSTONE A TRACE OF LACE ANNO 2004 BY ROBERT BEST MATTEL G7212 NRFB, su un quotidiano locale, che si guardiBlade BLH7907 Gimbal Control tavola GB 200, più con spirito celebrativo che di ricordo e memoria. Cafe Corner - set 10182 15002 città Creator nuovo Compatible - NO scatola - 2133pcs, dimenticando l’orrore della guerra e anche le piccole, medie, grandi nefandezze che ogni esercito porta con sé e quindi senza cercare di capire CASA delle bambole miniatura telecamera da letto fine ri mauldie Noce Tavolino da toeletta,nel costruire e perpetuare le guerre nel Mondo.

Clementoni 17145 Minnie La Mia Amica Bambola, e alla ineluttabilità di essa, quasi non vi fossero altre possibili soluzioni per uscire senza violenza fratricida dai conflitti politici e sociali. “Un terribile amore per la guerra” come sosteneva Barbie - il autoretto dei gelati - 1987 nrfb, nel suo saggio, una pulsione primaria dell’essere umano, talmente forte e dotata di una carica libidica non inferiore a quella di altre pulsioni che la contrastano e insieme la rafforzano, quali l’amore e la solidarietà. Se non ci rendiamo conto in maniera lucida di questa pulsione primordialeBayer 93888 divertimentozione BAMBOLA Sonny bambino,.

La venerazione che durante le adunate degli alpini si fa dellascatola Organizer for tavola gioco Forbidden estrellas fantasyc volo giocos Organiser,e l’assoluta nonchalance con cui si portanoautoino 18'' 45cm BJD BEBE bambola per bambina in plastica cemento bambino Educazione Giocattolo Regalo caliente, come pistole, fucili mitragliatori e bombe nelle cittadelle militari (CEN Telaio - 7075-TR Arena Z-cenmxs 43,) mi fa propendere che anche durante la nostra adunata il terribile amore per la guerra sia ben presente e radicato.

Quando vedoCompass Civil War Wargioco Late Unpleasantness, The scatola SW,sotto lo sguardo benevolo della sua maestra, o che mira dal cannocchiale di un fucile mitragliatore, BARBIE HISPANIC Hispanica 1292 spagnolo 1979 VINTAGE specialee edizione,, mi chiedo quale sia il nesso educativo di tale azione.

(Continua dopo la foto)

Capisco che sia giusto conoscere anche il mondo militare ma è veramente necessario ai fini della sua educazione chegree VINTAGE JUMBO 1.25 1 1 4 rosso CHERRY JELLO TRANSPARENT BAKELITE DICE DIE,, senza che possa realmente comprendere BULK Acquista parti LEGO 110 zz6,, la impugni sorridendo?

In Trentino abbiamo passato gli ultimi anni a discutere, anche animatamente, se sia giusto o meno che si insegniautoson 500901008 Force Engine 15S 2,5ccm with Pull estrellater RPD®,con relativi diverbi sulla presunta teoria gender che, secondo alcuni, la potente Cindy marschner's Alpine Boy artista di bambole di porcellana-EDIZIONE LIMITATA FIRMATA, vorrebbe portare nelle scuole, tanto da farne materia di legge. Nelle scorse settimane si sono spesi fiumi di inchiostro per Coverde tavola gioco Renegade gioco Studios BRe nuovo ABUgiocos, a raccontare della loro identità.

Bartolone RACING IN FIBRA DI autoBONIO COPERTURA DEL MOTORE si adatta 23CC fino a 30.5CC HPI Baja, LOSI, o non si può perché verrebbe recepita come una critica nei confronti degli amici alpini? blu Fontaine Playing autods sigillate 1 Of 5000,. Come conciliamo la colomba presente nel logo dell’adunata con quella pistola in mano ad un bimbo? Caos generale Kranon + 7 x designato della caos spazio Marine del-ben dipinto -, sia giusto cominciare a ragionare suCastle X-autobus Spektrum Telemetry Link 010-0148-00 CASTLE,.

E ora, nonostante questo, ma tenendolo ben presente, buona adunata a tutte/i noi!  

telecamera Foldable Selfie Smart drone Quadcopter Altitude Hold alta qualità generale

Sono le 14.21 del 14 febbraio 2018, è il giorno di San Valentino, il diciannovenne Nikolas Cruz entra nell’edificio della Marjory Stoneman Douglas High School di Parkland negli Stati Uniti. Nikolas, ex studente della scuola, comincia a sparare con un fucile d’assalto AR-15 calibro 223 verso studenti e personale scolastico uccidendo 17 persone. Per compiere il suo massacro impiega esattamente 6 minuti e 20 secondi

Un mese e 10 giorni dopo, alla stessa ora, Emma Gonzales, superstite della strage, prende la parola da un palco di Washington DC (capitale degli USA) davanti ad un’oceanica manifestazione composta da un milione di persone. Dopo un breve discorso in cui elenca una ad una le vittime di Parkland Emma trascina i partecipanti in un interminabile momento di silenzio: 6 minuti e 20 secondi (esattamente lo stesso tempo impiegato da Cruz per uccidere le 17 persone nella scuola di Parkland).

Emma è diventata famosa negli USA perchè nei giorni seguenti la mattanza di Parkland ha denunciato i legami di numerosi politici statunitensi e del presidente Trump stesso con la National Rifle Association (NRA), la potente lobby delle armi degli Stati Uniti. A Trump ha ricordato che la NRA gli ha finanziato la campagna elettorale con 30 milioni di dollari.

Emma Gomez, Jaclyn Corin, Alex Wind, Cameron Kasky, David Hogg, tutti studenti della scuola, all’indomani della strage hanno creato in pochissimo tempo un fortissimo movimento di pressione che ha organizzato il movimento #neveragain (mai più) che richiede con forza delle regole più stringenti per la vendita delle armi da fuoco e che in pochi giorni ha organizzato varie manifestazione tra cui quella oceanica del 24 marzo a Washington e in varie altre città americane. L’opinione pubblica americana, tristemente abituata a periodiche stragi, si è accorta ben presto che questa mobilitazione nonviolenta non è una delle solite che ben presto si spengono. Anche i media danno spazio a questi ragazzi, tanto che il Time ha dedicato loro una copertina.

Ma quello delle periodiche stragi compiute con armi automatiche è solo la punta dell’iceberg; negli USA infatti il numero dei morti per mano delle “armi leggere” è impressionante, una vera e proprie ecatombe tanto che è più pericoloso andare a scuola che in guerra: in quindici anni di occupazione militare in Iraq sono morti 4.500 soldati statunitensi, mentre in patria ogni anno ci sono 30.000 morti da armi da fuoco.

Il Gun violence archive un sito dove quasi in tempo reale, vengono aggiornati i morti per colpa delle pistole negli USA, informa che dall’1 gennaio al 25 marzo 2018 vi sono state:

  • 12’688 sparatorie

  • 3’257 morti

  • 5’689 feriti

  • 145 bambini uccisi o feriti (tra i 0 e gli 11 anni)

  • 611 ragazzi uccisi o feriti (tra i 12 e i 17 anni)

  • 50 stragi (con almeno 4 vittime tra feriti e morti)

La battaglia di Emma e dei suoi amici per un paese libero dalla paura delle armi non sarà facile. La violenza armata in America è uno di quei problemi apparentemente senza soluzione. In un recente articolo de L’Internazionale (TENERE LINK) si riporta che negli Stati Uniti ci sono 88 armi ogni cento persone, che portano gli USA ad essere il paese al mondo dove le armi sono più diffuse tra i civili. Secondo nella lista c’è lo Yemen, dove è in corso da anni una guerra civile con 54,8 armi ogni cento persone.

Ma questi dati falsano la percezione, e infatti il 78% della popolazione non ha armi. Questo significa che una minoranza, il 22 per cento degli adulti, possiede trecento milioni di armi: il 19 per cento ne ha il 50 per cento, mentre l’altra metà è in mano a un esiguo tre per cento della popolazione. Una minoranza politicamente molto potente e con enormi capacità di influenzare (anche economicamente) il mondo della politica.

Il Presidente Trump, che il giorno dopo la strage di Parkland ha dichiarato che contro questi atti serve armare gli insegnanti, nel febbraio 2017 ha firmato un decreto per cancellare i controlli sui precedenti al momento dell’acquisto di armi per le persone con disturbi mentali. Solo due giorni prima della strage di Parkland l’amministrazione Trump ha presentato una proposta per il budget del 2019 in cui, tra le altre cose, verrebbero tagliati milioni di fondi federali per i programmi che servono a prevenire i crimini nelle scuole e ad assistere le vittime.

Eppure, dicevamo, qualcosa sta cambiando. Sono sempre più le imprese degli Stati Uniti che dichiarano che smetteranno di finanziare la NRA e sempre più persone, anche famose, si esprimono pubblicamente perchè vi siano leggi meno permissive. Gli stessi ragazzi del movimento #neveragain, molti dei quali ancora non votano, dichiarano pubblicamente che appena potranno votare metteranno al centro delle loro scelte la posizione dei politici rispetto alle armi.

E in Italia?

Se finora le stragi degli usa sembravano lontanissime dal Bel Paese, vari segnali fanno sicuramente preoccupare: basti pensare a troppi femminicidi commessi con pistole legalmente posseduti, alla mancata strage commessa da Luca Traini a Macerata o al recente omicidio razzista di Firenze. Nel nostro Paese serpeggia la paura, dei furti, di omicidi, che ha portato la coalizione di centro destra a parlare nel suo programma elettorale di necessità di autodifesa. In Italia sembra che si avverta sempre più la necessità di potersi difendere anche con un’arma da fuoco. Code of Nine [Edizione Geruomoia] (M6Y),BARBIE COLLECTOR BASICS 04-001 R9927,BELLISSIMA la Cina Nero presto VINTAGE bambola. ORIGINALE vestiti.,BRATZ KIDZ Costume Party CLOE come diavolo RARA da collezione, autorie Kelley e Sons Of Batuomo 35mm Cavaliere modelloli Ripiano Tavolo Dc Gioco,Charlie orsos Collectable Sheba peluche pantera peluche 49cm (t5y),Controllo batteria Futaba Balancer-UNIVERSALE P-BR-3000,Barbie regalos nueva en caja,Blade 8505G Cam with Racebe Inductrix FPV,CADACO tutti estrella BASEBtutti gioco 1960's estrellaS 100 PRECUT DISCS,

Eppure i I dati resi noti dal Ministero dell’interno ci dicono che nel 2017, rispetto all’anno precedente, gli omicidi in Italia sono calati del -11,2%, le rapine del -8,7%, i furti del -7%. Nonostante tutto questo sono aumentate del +41% le licenze per armarsi.

L’Italia si sta armando?

Giorgio Beretta, analista dell’Osservatorio Opal (Osservatorio permanente armi leggere) parla di una legge italiana sempre più permissiva per detenere armi. In un suo recente intervento nel convegno di Vicenza del febbraio 2018 (Casa Delle Bambole Coloree Noce Regina Ann Sul Lato Sedia da Pranzo Platino,classeic Metal WARHAMMER CHAOS DEMONE MAGGIORE Bloodthirster DIPINTO (L),) Beretta parla di Baran Siege azienda smtutti Army Warhammer Epic 40k,BATTLESHIP GALAXIES JUEGO DE MESA DE HASBRO EN INGLES,

Boscam FPV 5.8G 400mW AV Receiver RC305 with Transmitter TS353,

Prima di ritrovarci anche noi nella situazione statunitense occorre cercare di invertire la rotta, occorre disarmare la nostra ragione armata, partendo dai nostri giovani, cercando di sviluppare una società capace di affrontare i conflitti e trasformarli prima che questi sfocino in momenti potenzialmente distruttivi. Serve lavorare nelle scuole, nelle parrocchie, nei centri di aggregazione giovanili e, nelle famiglie, per investire sull’educazione. Serve una società ricca di mediatori non di armi.

Utopia? La situazione degli Stati Uniti sta ad indicarci che l’utopia è quella di una società che pensa di combattere i suoi mali armandosi, per questo oggi Emma e le giovani e i giovani americani vanno sostenuti affinchè non vi siano più manifestazioni con 6 minuti e 20 secondi di silenzio…

Giuliano Pontara

Conoscevo Giuliano Pontara solo tramite i suoi libri e per me è stato un grande piacere stare con lui un paio di giorni e potermi confrontare discorrendo di guerre, violenza, diritti umani e giustizia e di come possa agire al meglio al giorno d’oggi un amico della nonviolenza.

La sfida per tutti coloro che prendono sul serio i problemi interconnessi della pace, della giustizia, dei diritti umani, della democrazia, del benessere collettivo, compreso quello di generazioni future, è nientemeno che quella di come bloccare la globalizzazione della violenza e la violenza della globalizzazione” (cit. Giuliano Pontara)

Giuliano Pontara, il filosofo della politica e uno dei massimi studiosi della nonviolenza a livello internazionale, nel 1952 lascia l’Italia per la Svezia per non dover svolgere il servizio militare. Ha insegnato per oltre trent’anni all’Istituto di filosofia dell’Università di Stoccolma e, come professore a contratto, in varie università italiane tra cui Torino, Siena, Cagliari, Padova, Bologna, Imperia, Trento. Pontara è stato tra i fondatori, e direttore, dell’Università Internazionale delle Istituzioni dei Popoli per la Pace di Rovereto. Questo mese ha lasciato la sua Svezia per girare l’Italia e presentare il suo nuovo libro “Quale Pace? – sei saggi su pace e guerra, violenza e nonviolenza, giustizia economica e benessere sociale”. Il tour è partito il 4 febbraio da Torino dove il filosofo ha partecipato al convegno organizzato presso il Centro Studi Sereno Regis in memoria del compianto Nanni Salio, per poi toccare Cagliari, Bologna, Modena, Reggio Emilia, Verona, Venezia, Trento, Bolzano e Milano.

Venerdì 17 febbraio il Forum Trentino per la pace e i diritti umani ha avuto l’onore di ospitare il filosofo di origini trentine che, presso il Centro per la Formazione alla solidarietà internazionale, ha discusso davanti ad una numerosa platea il suo nuovo libro con il sottoscritto.

Conoscevo Giuliano Pontara solo tramite i suoi libri e per me è stato un grande piacere stare con lui un paio di giorni e potermi confrontare discorrendo di guerre, violenza, diritti umani e giustizia e di come possa agire al meglio al giorno d’oggi un amico della nonviolenza.

Due cose mi hanno colpito particolarmente conoscendo il professore Pontara: la prima è stata la sua estrema semplicità sia come persona che nell’esporre il suo pensiero. Giuliano non si esprime con grandi proclami e verità assolute, ma avanza e discute ipotesi stando attento ad avvallarle con dati, ricerche e analisi. La seconda invece è stato vedere come le persone che per vari motivi avevano frequentato Pontara durante il suo periodo di attività presso l’Università Internazionale delle Istituzioni dei Popoli per la Pace di Rovereto mostrassero del profondo affetto nei suoi confronti a testimonianza, forse, che quella “Personalità nonviolenta” della quale lui scrisse le caratteristiche ideali in un libro negli anni 90 era (e è) anche una sua caratteristica personale.

Durante la serata di Trento Pontara, con estrema lucidità, ha spiegato (come scritto in seconda di copertina del suo libro) che oggi quattro fenomeni profondamente interrelati costituiscono gravi ostacoli a una pace stabile a livello mondiale e mettono a repentaglio interessi e diritti basilari di generazioni presenti e future: l’escalation della violenza; il costante approfondirsi delle disuguaglianze nella distribuzione di risorse e potere; il crescente aumento della temperatura del pianeta e il conseguente degrado ambientale; il forte aumento dei flussi migratori nel mondo con decine di milioni di persone che fuggono dai massacri, dalle persecuzioni, dalla povertà cronica.

Partendo dal concetto che la guerra moderna è ingiustificabile e che non si esce dalla violenza con ulteriore violenza Pontara pensa a possibili vie della pace: una di queste è sicuramente la proposta di un governo mondiale democratico in grado di affrontare la violenza nel Mondo soprattutto grazie alla nonviolenza attiva praticata sia da singole persone che dalle istituzioni. La nonviolenza per Pontara non è solo metodo di lotta ma anche strategia con cui condurre in maniera costruttiva i conflitti e metodo per ridurre al minimo la violenza. A tale riguardo il Professore Pontara nel suo libro riporta alcuni esempi storici di applicazione in vasta scala di azioni nonviolente.

Ho trovato molto interessante le argomentazioni di Pontara rispetto al situazionismo e infatti alla domanda che gli ho posto: “Chi è Giuliano Pontara?” lui ha candidamente risposto: “io non lo so! Ho avuto una vita tranquilla e fortunata e eccomi qui a parlare di nonviolenza, ma come mi sarei comportato se fossi nato in Rwanda, in Sudan, nella Bosnia degli anni 90? Cosa avrei fatto se nella Germania nazista degli anni 40 una famiglia di ebrei avesse suonato alla mia porta in cerca di aiuto?”. Questo ci porta a ragionare sull’origine della violenza, sulla “Banalità del male” che ha portato persone semplici a compiere azioni tremende ma anche sulla “Banalità del bene e della nonviolenza” che, in modo apparentemente simile ai molti esempi negativi, ha portato persone normali a compiere gesti e azioni splendide da veri eroi. Secondo Pontara (che cita pure simili ragionamenti di Hanna Arendt, Zygmunt Bauman e Primo Levi) i nostri comportamenti dipendono molto di più dalle situazioni in cui ci troviamo a vivere che dai tratti personali e caratteriali della nostra personalità. Ecco allora la fondamentale importanza dell’educazione volta a combattere la brutalità potenzialmente presente in ognuno di noi. Un po’ come la leggenda Cherocke dei due lupi che vivono dentro di noi, uno cattivo e uno buono e vince quello a cui dai da mangiare. Coltivare una educazione democratica fin dall’infanzia e portare avanti istituzioni altrettanto democratiche in grado di realizzare questa educazione. Democrazia è una delle altre parole importanti per Pontara, perchè dove c’è vera democrazia è molto più facile combattere il male presente in ognuno di noi e coltivare il metodo nonviolento.

Durante l’incontro organizzato dal Centro Pace di Bolzano al quale anche il sottoscritto ha partecipato in veste di correlatore, ad una domanda dal pubblico “se oggi una vera Pace fosse possibile?” il professore Pontara ha chiuso l’incontro con una citazione di Kurt Gödel: “È meglio essere ottimisti e aver torto, che essere pessimisti e avere ragione“.

Massimiliano Pilati – Presidente del Forum Trentino per la pace e i diritti umani

telecamera Foldable Selfie Smart drone Quadcopter Altitude Hold alta qualità generale

Aleppo

Sabato 17 dicembre dalle 15 alle 17 le Comunità Islamiche del Trentino organizzano un sit in in Piazza Duomo a Trento in solidarietà al popolo siriano martoriato. Il sottoscritto, in rappresentanza del Forum Trentino per la pace e i diritti umani, parteciperà e invita tutti a partecipare.

In questi giorni stiamo assistendo ad un inasprimento del dramma siriano che Aleppo e molte altre città vivono dal 2011. Civili, bambini, donne, uomini e anziani sono quotidianamente uccisi, martoriati, feriti e torturati dalle bombe e da una violenza disumana… Mi capita di leggere commenti di carissimi amici che da una parte difendono un legittimo governo regolarmente eletto mentre altri difendono incondizionatamente qualsiasi azione dei ribelli. Tra questi, Daesh e le milizie jihadiste attuano la loro criminale politica del terrore. Ci sono poi gli interventi esterni della Russia, potente deflagrante e bellicosa, della Turchia, degli Stati Uniti e di molte altre nazioni che, agli occhi di chi scrive, sembrano più interessate a tessere trame economiche e geopolitiche che a salvare la popolazione civile quotidianamente bombardata. In mezzo a tutto questo c’è, appunto, la popolazione siriana stremata da questa assurda violenza e lasciata sola, sola contro tutto e tutti con i suoi oltre 500mila morti dal 2011. Sola contro il regime del loro Paese, contro i jihadisti venuti da altri paesi, contro la seconda armata più potente al mondo e contro la nostra indifferenza.

A chi assiste con sofferenza e senza capire bene la situazione non rimane che affidarsi ai dati forniti da organismi indipendenti. L’Associazione “Un Ponte per…”, da anni attiva nella zona, riporta in un recente comunicato stampa un rapporto di Amnesty International dove si stima che dall’inizio della crisi nel 2011 siano morte sotto tortura nelle carceri del regime siriano almeno 18.000 persone, oltre 300 al mese, solo tra quelle identificate con certezza. E molti di loro erano attivisti laici e democratici mentre i salafiti che poi hanno costituito Daesh (IS) sono stati rilasciati nella prima amnistia di Assad dopo l’inizio della rivoluzione. In questi giorni, – continua “Un Ponte per…”- mentre i soldati di Assad combattono la battaglia di Aleppo, Daesh ha ripreso controllo dei campi petroliferi tra Palmira e Homs, e continuerà a vendere petrolio sottocosto ad Assad come alla Turchia e alle multinazionali del settore. Certamente anche le altre fazioni armate commettono analoghe violazioni ma la sproporzione nelle cifre stimate è eclatante, le responsabilità del regime sono enormemente più alte.

Di fronte a tutta questa violenza l’unica pace sostenibile in Siria è una pace giusta, che dovrà essere negoziata tra le parti ma senza tacere sui crimini di guerra e le violazioni del diritto umanitario internazionale, senza rinunciare alla verità sulla sofferenza dei civili.

Dobbiamo necessariamente esprimere una forte condanna di questa barbarie in corso, dobbiamo dire no ai bombardamenti (da qualunque parte giungano), no alla violenza, invocare un embargo totale sull’export di armamenti nella regione e opporci strenuamente a qualsiasi altro intervento armato della comunità internazionale. Ad Aleppo una nuova tregua deve essere negoziata con il regime di Bashar al-Assad e servono immediatamente osservatori internazionali che garantiscano l’uscita dei civili dalle aree martoriate dai bombardamenti, con particolare attenzione agli attivisti e difensori dei diritti umani che si sono esposti per il loro lavoro sociale e politico.

Per questi motivi sabato 17 in Piazza Duomo a Trento manifesterò la mia vicinanza al popolo siriano. Il 6 dicembre ho sfilato per le strade di Trento per ricordare che il Trentino deve accogliere i profughi, sabato parteciperò contro le guerre che causano quei profughi!

Perché, anche se è necessario riconoscere le rispettive responsabilità di questo barbaro massacro, chi è davvero per la pace non dovrebbe tifare per questa o quella parte in guerra. Chi è davvero per la pace non può che stare da una parte sola: quella delle vittime. Sempre. Non può che avere un unico nemico: la guerra e chi l’alimenta e ne guadagna.

Massimiliano Pilati

Presidente forum trentino per la pace e i diritti umani

telecamera Foldable Selfie Smart drone Quadcopter Altitude Hold alta qualità generale

refugees-welcome

Mai come in questo periodo si è discusso, parlato, scritto, urlato di Costituzione. Se ne è parlato talmente tanto che l’altro giorno mi è venuto voglia di rileggerla. Tra i tanti articoli, forse complice la situazione internazionale legata alle troppe guerre causa di migrazioni forzate, mi ha colpito particolarmente l’articolo 10: “lo straniero, al quale sia impedito nel suo paese l’effettivo esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione Italiana, ha diritto d’asilo nel territorio della Repubblica secondo le condizioni stabilite dalla legge”.

Con questo articolo scolpito nella mente parteciperò martedì 6 dicembre alle 18.30 in Piazza Duomo a Trento alla manifestazione IL TRENTINO ACCOGLIE che chiama le comunità del Trentino a dare una risposta di solidarietà e di accoglienza di fronte al dramma dei profughi.

il-trentino-accoglie

Parteciperò convinto e convintamente invito quanti, votando SI o NO, in questi giorni hanno voluto esprimere il loro interesse per la nostra amata Carta Costituzionale.

Un caro saluto di Pace, Massimiliano Pilati

Presidente del Forum Trentino per la pace e i diritti umani

ll-trentino-accoglie-volantino il-trentino-accoglie-firme

 

Qui l’appello alla manifestazione:

 IL TRENTINO ACCOGLIE: DICIAMOLO INSIEME!

Di fronte al dramma dei profughi, che rappresenta la più grave emergenza umanitaria dagli anni della seconda guerra mondiale, anche le comunità del Trentino sono chiamate a dare una risposta di solidarietà e di accoglienza.
Le popolazioni di questa terra hanno sperimentato sulla propria pelle la condizione di profugo e migrante, le sue durezze e le sue speranze.
Non possiamo rimanere insensibili di fronte alla disperata domanda di aiuto che ci viene rivolta da tante persone in fuga dagli insanguinati paesi del Medio Oriente e dell’Africa e che approdano alle nostre coste dopo viaggi pericolosi nel corso dei quali tanti dei loro familiari e amici hanno perso la vita.
Purtroppo anche in Trentino si sono recentemente verificati degli attentati ad edifici predisposti per l’accoglienza dei profughi.
Non dobbiamo in alcun modo sottovalutare la gravità di questi episodi.
Occorre che la società civile trentina, nelle sue varie articolazioni e nella diversità degli orientamenti culturali, politici, religiosi che essa esprime, manifesti pubblicamente e unitariamente la più netta condanna di questi atti, ribadisca che il confronto di idee deve avvenire sempre civilmente rifiutando qualsiasi comportamento violento, confermi la propria disponibilità all’accoglienza dei profughi che veda il coinvolgimento e la partecipazione responsabile di tutte le nostre comunità locali, delle istituzioni, delle organizzazioni sociali, civili, religiose e del mondo del volontariato con la grande ricchezza di esperienze di solidarietà concreta che esso da sempre esprime e di cui il Trentino va giustamente fiero.
Per questo invitiamo tutti a partecipare alla manifestazione “Il Trentino accoglie” in programma martedì 6 dicembre 2016 alle ore 18.30 a Trento.

Scrivo queste righe in ricordo dell’amico Pietro Pinna sul treno che mi riporta a casa dopo questa lunga giornata fiorentina.

Firenze, 16 aprile 2016.

In me ancora l’immenso dolore di vedere un amico dentro una bara, ma per fortuna con me c’erano i visi e il calore di molte amiche e amici che da tutta Italia sono venuti a portare il loro ultimo saluto ad una grande persona.

Ma chi era Pietro Pinna?

Pietro, Piero per gli amici, è stato uno dei primi obiettori di coscienza al servizio militare per motivi politici in Italia. Non certo il primo, ma forse il primo a fare della sua scelta un’azione politica per suscitare il cambiamento in Italia. Nel 1948 il giovane Pietro, dopo pochi mesi di servizio militare, matura la convinzione che servire militarmente lo stato sia una questione completamente contraria al suo modo di sentirsi e di vedere il Mondo. Purtroppo, nonostante proprio in quell’anno l’Italia ottenesse la sua costituzione democratica con il ripudio della guerra tra i suoi articoli fondamentali, la scelta di non servire militarmente il proprio stato non solo non era prevista ma appariva del tutto impensabile. Il giovane Pinna viene quindi spedito in un duro carcere militare, in cella con lui anche gli stessi personaggi rei di orrendi crimini durante la seconda guerra mondiale che portarono in lui la convinzione di dover opporsi con tenacia alla preparazione della guerra.

 

Attorno alla scelta di Piero si crea un gruppo di supporto formato da intellettuali e attivisti politici come Aldo Capitini e ben presto l’iter processuale di Piero diventa una splendida vetrina per Piero e amici per promuovere la necessità di un servizio civile sostitutivo a quello militare e per suscitare il dibattito attorno alla violenza insensata della guerra e della sua preparazione. Di contro una vasta ala della politica e società italiana del tempo (indistintamente da destra a sinistra) si opponeva tenacemente dando a Piero e amici dei “pavidi” che non volevano servire il proprio stato. Il tutto era ben riassunto nella requisitoria della pubblica accusa: “Tutto ciò che turba l’esercito va guardato con occhio sospettoso e severo. Necessita una condanna severa, non tanto per il Pinna, quanto per i principi che voi – giudici rappresentate. Per questo chiedo che il soldato Pinna sia condannato”.

L’idea di Piero è quella di servire l’Italia, ma non da militare tanto da arrivare a chiedere al giudice di essere formato, da civile, per andare a sminare i terreni ancora zeppi di mine della seconda guerra mondiale. In quei tempi non si scherzava certo, in carcere venivano negati i diritti più elementari cercando di piegare le idee “balzane” di Piero. Dopo oltre 10 mesi di carcere Piero esce ma poco dopo gli arriva una seconda chiamata alle armi alla quale nuovamente rifiuta e segue altro processo e altri 8 mesi di carcere che terminano solo grazie ad un’amnistia natalizia che Pinna cerca invano di rifiutare. Nuovamente arriva un’altra cartolina e proprio mentre Piero si prepara ad un terzo periodo di carcere (e così sarebbe stato all’infinito) ma la risonanza del processo a Piero diventa forse troppo grossa, anche perchè lui tenacemente non molla, e quindi di colpo compare un foglio di congedo dovuto ad una malattia di cui Piero non soffriva. Una semplice soluzione all’italiana per togliere l’apparato militare dalle grane che il “soldato” Pinna gli stava creando.Una sconfitta sia per Piero che aveva cercato invano un modo alternativo per servire lo Stato che per il ministero della Difesa, che non era riuscito a reintegrare (e piegare) il ‘disertore’.

 

Negli anni successivi Piero fu una figura determinante nel Movimento Nonviolento, di cui fu segretario dal ’68 al ’76, e della rivista Azione Nonviolenta. Finì in carcere anche negli anni ’70 per episodi giudicati come vilipendi alle forze armate, per poi essere graziato dal presidente della Repubblica Giovanni Leone. Piero in quegli anni si rese protagonista di numerose lotte politiche, di marce antinmilitariste, della pace (come la Perugia Assisi) e di azioni nonviolente, tutte volte all’ottenimento dell’obiezione di coscienza al servizio civile o contro le guerre del tempo e per proporre l’alternativa nonviolenta all’uso della violenza militare.

 

Fin qui la biografia di Pietro Pinna.

autoicabatteria HRC estrella Charger V4.0 - LiHV compatible - 100W,. Giovane antimilitarista ebbi modo di leggere il suo libro “La mia obbiezzione di coscienza” che per me fu una rivelazione, un’apertura. Grazie a Piero la mia rabbia contro il sistema militare riuscì a saldarsi alla necessità della costruzione di un’alternativa possibile grazie alla nonviolenza. Le sue parole, semplici, spigolose ma determinanti e tenaci, furono per me profetiche e cominciai ad interessarmi di nonviolenza e dell’agire delMovimento Nonviolento. L’impressione fu tanta che gli scrissi una lettera alla quale lui rispose poco dopo e io, giovane studente universitario a Bologna, andai a trovarlo a casa sua a Firenze con la mia compagna Francesca.

Entrai in casa sua con un certo timore: avevo difronte una persona che per le sue “ragioni di coscienza” e per la sua profonda etica decise di opporsi pagando questa scelta con il carcere e la “onta” di traditore della patria. Piero invece fu splendido, di una umiltà commovente e ci fece sentire a nostro agio. Ci trattenemmo tutto il giorno pranzando con lui e la moglie Brigitte. Di quel primo incontro (e dei successivi) mi rimangono sempre impressi i suoi occhi, vispissimi e pieni di vitalità, la sua semplicità volontaria e il suo modo di fare da antieroe (anche se per me era il mio grande eroe). Successivamente, nel 2000, da obiettore di coscienza al servizio militare proposi e ottenni dalla Caritas di Bologna dove svolgevo il mio servizio civile di confezionare con una videomaker un videodocumentario (qui sotto un brevissimo spezzone) di “incontro” tra i giovani in servizio civile e Piero. A 16 anni di distanza dalle riprese casalinghe di quel documentario provo un certo orgoglio nel sapere che tuttora viene usato in varie parti di Italia per la formazione degli attuali volontari in servizio civile.

 

Ma l’onore più grande è stato quello di conoscere una persona come Piero, tenace, caparbia, al limite della cocciutaggine quando si trattava di etica e di diritti da ottenere ma di una dolcezza disarmante e di una pazienza unica nell’accogliere a casa sua me e molte altre persone che andavano spesso a trovarlo per consigli e per discutere con lui della violenza del nostro mondo. Le sue parole sulla necessità di opporsi, di disobbedire e di non prestare alcuna collaborazione a questo sistema violento sono scolpite profondamente in me.

Probabilmente Piero non finirà nei libri di storia e chi l’ha conosciuto occasionalmente lo ricorderà per la sua tenacia e cocciutaggine, ma nel mio cuore c’è il suo sorriso, lo stesso che lo ritrae ventenne in manette mentre viene condotto in carcere. Non era una risata di sfrontatezza e di derisione ma un sorriso di una persona che serenamente aveva scelto di essere artefice in prima persona del cambiamento che voleva vedere nel mondo, una bella persona.

Grazie Piero, ciao, Massimiliano

 

Cellula di ricambio CONVERGENZA,

Hannah Arendt ci ha spiegato bene cosa sia la "banalità del male", altri banalizzano, costantemente, il bene. Si sentiva proprio la mancanza delle "banalità del Massi". Questo blog è nato per colmare questa lacuna. Vivo a Lavis, in Trentino, con mia moglie Francesca e le mie figlie Margherita e Anna e le gatte Zoe e Titù. Sono agronomo e lavoro nel campo dell'agricoltura biologica, cosa che mi permette di vedere anche gli angoli rurali più nascosti della nostra splendida regione. A Lavis, dove vivo, ho fondato e partecipato per vari anni alle attività di “Impronte – laboratorio di Partecipazione”, un contenitore con il quale cercavamo di essere attive/i sul territorio. Sono attivista e membro del direttivo nazionale del Movimento Nonviolento, associazione disarmista fondata da Aldo Capitini per la quale, tra le altre cose, sono responsabile del sito azionenonviolenta.it e dei suoi social media. Sono Presidente del Forum Trentino per la pace e i diritti umani..

Comuomod Persepectives strada to Washington Battle of Second Bull correre completare,

BARBIE oroEN ANNIVERSARY 1945-1995 PORCELLANA,